Eni, spinoff G&P include alcuni contratti take or pay -fonte

venerdì 6 febbraio 2015 15:17
 

di Giancarlo Navach

MILANO, 6 febbraio (Reuters) - Il progetto di valorizzare la divisione Gas and power di Eni prevede la creazione di una business unit composta dalla rete retail gas ed elettricità e da una parte di contratti take or pay a lungo termine in modo da renderla appetibile per il mercato. A questo starebbe lavorando la società insieme a Goldman Sachs. E maggiori novità dovrebbero emergere dalla strategy presentation il prossimo 13 marzo.

E' quanto riferisce a Reuters una fonte a conoscenza del dossier che dettaglia ulteriormente quanto reso noto ieri da altre due fonti.. L'Ipo è una delle opzioni sul tavolo: l'obiettivo è quello di creare una società che abbia sia le fonti di approvvigionamento sia le attività retail. Peraltro, la gran parte dei contratti a lungo termine con i principali fornitori è già stata rinegoziata e svincolata dal prezzo del petrolio allineandola al mercato.

Eni rifornisce circa 2.600 clienti tra grandi imprese, produttori di energia elettrica e grossisti. Sono invece circa 8 milioni i clienti tra famiglie, professionisti e Pmi in Italia e circa 2 milioni in Europa. Le vendite di gas naturale del 2013 sono state di 93,17 miliardi di metri cubi in calo del 2,3% rispetto al 2013.

Oggi il titolo Eni è in lieve calo in Borsa e cede lo 0,51% a 15,61 euro.

Secondo uno studio di Mediobanca Securities - che valuta positivamente l'ipotesi dello spin off pur sottolineando le difficoltà di una Ipo in un mercato volatile - l'enterprise value della divisione (in rosso per 246 mln nel 2013 e break even atteso nel 2014 a livello di ebit) è intorno ai 6 miliardi di euro con un equity value fra 2 e 3 miliardi. Una Ipo di oltre il 70% comporterebbe un introito fra 1,4 e 2,1 miliardi con il conseguente deconsolidamento del debito per Eni stimato da Mediobanca fra 3 e 4 miliardi.

Lo studio rileva che lo spin off di Snam nel 2011, con conseguente vendita della partecipazione a Cdp e deconsolidamento del debito, ha portato a un re-rating materiale della divisione E&P, agendo da catalyst positivo per l'andamento del titolo in Borsa.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...