Francia, Europa delle sanzioni "non è accettabile" - Sapin

martedì 3 febbraio 2015 13:21
 

PARIGI, 3 febbraio (Reuters) - La Commissione europea deve tenere conto della bassa inflazione e della bassa crescita per dare a Paesi come la Francia più tempo per ridurre i loro deficit.

Lo ha detto il ministro delle Finanze francese Michel Sapin, aggiungendo che "l'Europa delle sanzioni" è inaccettabile.

"In ottobre si è parlato di sanzioni, che non ci sono state. In dicembre si è parlato di sanzioni, che non ci sono state. Smettiamola con questa parola 'sanzioni'" ha detto Sapin in un'intervista in occasione del Reuters euro zona summit.

La Commissione deciderà in marzo sui deficit di Francia, Italia e Belgio dopo i due rinvii del 2014, concessi ai Paesi per dimostrare che stanno compiendo le azioni necessarie per rientrare nei vincoli Ue.

"Un'Europa delle punizioni, un'Europa della sanzioni, questa è una cosa che non si può accettare" ha affermato Sapin aggiungendo: "un'Europa esigente, un'Europa seria, un'Europa della cooperazione e delle regole, questo è ciò che è necessario e che i nostri concittadini capiscono".

Sapin ha poi sottolineato che la Francia non è il malato d'Europa e che "è stanca" di ascoltare la parola sanzioni, che "non corrisponde alla realtà".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia