Borsa Usa, indici volatili, bene energetici dopo conti Exxon

lunedì 2 febbraio 2015 19:44
 

NEW YORK, 2 febbraio (Reuters) - L'azionario Usa oscilla attorno alla parità in una seduta volatile e che vede spunti positivi sul settore energetico, sulla scia del risultati migliori delle attese di Exxon, controbilanciati dai deludenti dati sulla spese per consumi e settore manifatturiero.

Se da un lato gli ultimi indicatori macro segnalano un indebolimento delle condizioni economiche, dall'altro i principali indici borsistici hanno chiuso il mese di gennaio con la peggiore performance mensile in un anno, e questo porta molti trader a cercare occasioni di acquisto nei settori più colpiti.

Con l'S&P in cerca di una direzione precisa, il principale tema della seduta è rappresentato dalla forza dei titoli petroliferi. L'indice settoriale sale dell'1,6% dopo che Exxon Mobil ha annunciato un calo dell'utile del 21% più contenuto delle previsioni. Il titolo della major petrolifera, componente del Dow, guadagna l'1,3%.

Le quotazioni del greggio, molto volatili, mostrano un rialzo dell'1,4%.

"I fondamentali sembrano ancora forti, ma gli utili in arrivo sono sotto delle aspettative, e questo sta creando una generale preoccupazione che causa alta volatilità", commenta James Liu, strategist di JPMorgan Funds a Chicago.

"Siamo abituati a una buona crescita degli utili e dei dati macro e ora siamo di fronte alla prima vera prova che quel tipo di sentiment non è sempre vero", aggiunge.

A dicembre le spese per consumi hanno registrato il peggior calo da fine 2009, mentre l'indice Ism ha mostrato che il ritmo di crescita del settore manifatturiero ha rallentato più delle attese.

Attorno alle 19,40 italiane il Dow Jones cede lo 0,06% e il Nasdaq lo 0,27% mentre l'S&P 500 guadagna lo 0,05%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia