Icbpi, dopo Permira giunta offerta anche da Advent Bain -fonti

venerdì 30 gennaio 2015 16:47
 

MILANO, 30 gennaio (Reuters) - Per Icbpi è arrivata una seconda offerta dai fondi private equity Advent International e Bain Capital che valorizza il gruppo bancario specializzato in servizi di pagamento circa 1,9 miliardi di euro.

Lo riferiscono due fonti vicine alla situazione mentre Advent e Bain non hanno commentato.

L'offerta è inferiore a quella giunta già da qualche giorno da un altro private equity per la società controllata da alcune banche popolari, Permira, che ha offerto, secondo alcune fonti, 2,2 miliardi.

Icbpi non ha ancora formalizzato la scelta dell'adviser, con Mediobanca o Equita probabili candidati a ricoprire questo ruolo, spiegano le fonti.

Secondo alcuni banchieri, gli azionisti hanno in programma un'asta vera e propria in modo da massimizzare il valore di Icbpi allargando il più possibile la platea dei possibili acquirenti. Altri private equity saranno probabilmente invitati alla gara.

Ma, riferisce una delle fonti, non tutti gli azionisti sarebbero persuasi dell'opportunità di vendere l'istituto e in consiglio ci sarebbe una animata discussione.

I principali azionisti di Icbpi sono Credito Valtellinese (20,39%), Banco Popolare (9,62% + 5,76% in capo a Holding di Partecipazioni Finanziarie), Bper (8,69%), Popolare Vicenza (9,99%), Veneto Banca (9,99%), Iccrea (7,92%), Popolare Cividale (5,14%), Banca Popolare di Milano (5%) e Ubi Banca (5,14%).

La decisione di vendere la partecipazione è originata dalla situazione di difficoltà e di ricerca di patromonio creataasi in alcune popolari dopo gli stress test della Bce, ha riferito una fonte vicina alla situazione qualche giorno fa.

Secondo uno studio di Equita Sim, per il solo Valtellinese la plusvalenza sarebbe di 200 milioni.   Continua...