Popolari,governo non attacca modello,pone limiti su dimensioni e borsa-Bazoli

giovedì 29 gennaio 2015 14:13
 

MILANO, 29 gennaio (Reuters) - Giovanni Bazoli, presidente del Consiglio di Sorveglianza di Intesa Sanpaolo, non vuole entrare nella polemica sulla riforma delle banche popolari ma sottolinea che il recente decreto del governo, duramente criticato dai soggetti coinvolti, non mette in discussione il modello cooperativo in sé ma lo giudica incompatibile con banche di grandi dimensioni e quotate in borsa.

"Non voglio entrare nella polemica. Voglio solo osservare che (...) è un errore madornale pensare che ci sia stato un attacco del governo al modello popolare. E' stato solo detto che un limitato numero di banche (in base ai criteri della dimensione e della quotazione in borsa) forse non corrisponde più alla natura propria delle banche popolari", ha detto Bazoli a margine di un evento.

In definitiva, ha concluso Bazoli, il decreto "dice solo che questo modello non è confacente a una dimensione oltre un certo limite e alla quotazione in borsa. Non mette in discussione il valore delle popolari che non si trovano in quelle situazioni".

(Claudia Cristoferi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia