BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in lieve calo, pesante borsa cinese

venerdì 30 gennaio 2015 08:48
 

INDICE                        ORE  8,30    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                        474,48    -0,35       467,23
 TOKYO                         17.674,39     0,39    17.450,77
 HONG KONG                     24.505,44    -0,37    23.605,04
 SINGAPORE                      3.420,38     0,04     3.365,15
 TAIWAN                         9.361,91    -0,69     9.307,26
 SEUL                           1.949,26    -0,09     1.915,59
 SHANGHAI COMP                  3.211,67    -1,55     3.234,68
 SYDNEY                         5.588,32     0,34     5.411,02
 MUMBAI                        29.282,78    -1,34    27.499,42
 
    30 gennaio (Reuters) - Le borse asiatiche sono in leggero calo oggi,
nonostante il rialzo di Wall Street abbia parzialmente bilanciato i timori per
l'economia globale e il rallentamento dell'azionario cinese.
    Le borse europee sono attese in rialzo, in scia a Wall Street, anche se un
ulteriore calo dei prezzi del greggio dopo un breve rally dovrebbe spingere gli
investitori alla cautela nell'ultimo giorno di contrattazioni del mese.
    Intorno alle 8,30 italiane l'indice MSCI dei principali
listini al di fuori del Giappone perde lo 0,35%. L'indice Nikkei di
Tokyo ha guadagnato lo 0,4%.    
    SHANGHAI ha chiuso in calo dell'1,6% al termine della peggiore
settimana (-4,2%) da oltre un anno. I mercati hanno risentito della notizia che
le autorità regolatrici stanno esaminando il business del margin trading di 46
società.
    In territorio negativo anche HONG KONG. Prada perde lo 0,1%
circa.
    Chiusura in calo per SEUL e TAIWAN, in territorio negativo
MUMBAI, sostanzialmente piatta SINGAPORE.
    In controtrend SYDNEY : la borsa australiana ha chiuso vicino ai
massimi da cinque mesi. Gli investitori hanno acquistato titoli bancari sul
crescere delle aspettative di un taglio dei tassi di interesse a giorni, e
titoli minerari complice un rimbalzo dei prezzi delle materie prime.
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia