BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in calo su toni Fed più aggressivi attese

giovedì 29 gennaio 2015 08:39
 

INDICE                        ORE  8,25    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                        477,28    -1,03       467,23
 TOKYO                         17.606,22    -1,06    17.450,77
 HONG KONG                     24.588,17    -1,10    23.605,04
 SINGAPORE                      3.423,94     0,14     3.365,15
 TAIWAN                         9.426,90    -0,88     9.307,26
 SEUL                           1.951,02    -0,54     1.915,59
 SHANGHAI COMP                  3.263,73    -1,27     3.234,68
 SYDNEY                         5.569,48     0,30     5.411,02
 MUMBAI                        29.473,12    -0,29    27.499,42
   29 gennaio (Reuters) - Le borse asiatiche estendono le perdite oggi, dopo che
la Federal Reserve ha segnalato di essere fermamente intenzionata ad alzare i
tassi di interesse quest'anno nonostante l'incertezza sullo stato dell'economia
globale.
    L'apertura delle borse europee è prevista in deciso calo.
    Al crescere delle probabilità che i tassi d'interesse Usa salgano, gli
indici asiatici hanno seguito in territorio negativo Wall Street.
    Intorno alle 8,25 italiane l'indice MSCI dei principali
listini al di fuori del Giappone perde l'1,03%. L'indice Nikkei di Tokyo
ha chiuso a -1,1%, il calo maggiore da due settimane.
    La Fed ha detto che verranno tenuti in considerazione gli sviluppi
internazionali, ma si è mostrata ottimista sull'economia Usa.
    "I mercati sono rimasti sorpresi che la Fed sia stata più aggressiva del
previsto, specie considerando che molti avevano pensato che i membri del board
quest'anno sarebbero stati più moderati di quello scorso", ha commentato
Hideyuki Ishiguro, senior strategist di Okasan Securities.
    SHANGHAI e HONG KONG sono in territorio negativo dopo che
l'agenzia stampa ufficiale Xinhua ha detto che le autorità regolatrici nazionali
faranno indagini sul business del margin trading di 46 società. Prada 
perde lo 0,3%.
    Chiusura in calo per SEUL e TAIWAN, in territorio negativo
MUMBAI.
    Col segno più, invece, SINGAPORE e SYDNEY ; quest'ultima ha
chiuso ai massimi da 20 settimane sulla speranza di un taglio dei tassi di
interesse entro pochi giorni nonostante il ribasso degli energetici.
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia