Borsa Milano in ribasso ma tiene grazie a QE, male Fiat-Chrysler, Cnh

martedì 27 gennaio 2015 17:53
 

MILANO, 27 gennaio (Reuters) - Piazza Affari chiude in ribasso, in un mercato appessantito dalla borsa greca e dai risultati societari negativi che arrivano da Wall Street, sostenuto però dalla prospettiva del quantitative easing (QE) annunciato dalla Bce.

Ad Atene è la seconda giornata consecutiva di perdite per la borsa, con le banche particolarmente colpite dai timori legati alla nascita di un governo ostile al piano di assistenza finanziaria, che potrebbe andare in rotta di collisione con i creditori internazionali.

"Da qualche giorno il mercato europeo fa meglio di Wall Street, mi sembra sia principalmente dovuto al QE della banca centrale europea", dice un trader.

L'indice FTSE Mib chiude in ribasso dello 0,53%, l'Allshare dello 0,47%.

Volumi a 3,3 miliardi di euro.

In Europa il benchmark FTSEurofirst scende dello 0,8% circa. A Wall Street il Dow Jones cala del 2%.

Vendite sul settore bancario. In particolare UNICREDIT cede l'1,5% circa. Popolari sono in ribasso dopo la recente corsa sulle speculazioni di aggregazioni nel settore.

Prese di profitto su FIAT CHRYSLER peggio dello Stoxx europeo di settore, dopo il balzo di ieri sui recenti rialzi del dollaro. Oggi le attese per un rinvio dell'aumento dei tassi negli Usa da parte della Fed rendono più caute le previsioni per un biglietto verde in ulteriore rialzo.   Continua...