Finmeccanica prevede ordini 2014 a 15,2-15,5 mld, approva Piano 2015-19

martedì 27 gennaio 2015 19:05
 

ROMA, 27 gennaio (Reuters) - Finmeccanica ha approvato nel cda di oggi il Piano industriale 2015-2019 ed ha rivisto le guidance 2014, con ricavi visti a 14,4-14,7 miliardi. Il cda ha dato mandato all'Ad di proseguire i negoziati per la cessione del settore trasporti e "giungere al più presto a una conclusione favorevole".

E' quanto si legge in un comunicato del gruppo emesso al termine del cda di oggi e in vista della conference call per illustrare il nuovo Piano industriale, prevista domani alle 12.

Gli ordini 2014 nelle nuove guidance sono previsti a 15,2-15,5 miliardi di euro (in aumento di oltre un miliardo e mezzo rispetto alla precedente guidance); il "book to bill" è atteso superiore all'1; la profittabilità è attesa in ulteriore miglioramento e generazione di cassa positiva dal 2015; +20% la crescita dell'Ebita nell'aerospazio e difesa dal 2014 al 2016, con il Ros sempre in questi settori in miglioramento di oltre 150 pb.

Le guidance infine vedono un indebitamento in riduzione di oltre 600 milioni di euro dal 2014 al 2017, a meno di 3,5 miliardi, senza includere le operazioni straordinarie con il debito netto del gruppo rivisto a 4,1 miliardi (da 4,3 delle precedenti guidance).

La guidance dell'esercizio 2015 sui ricavi riflette una riduzione di perimetro pari a circa 500 milioni di euro dovuta al trasferimento di attività "passanti" sul contratto B787 da Alenia Aermacchi a Boeing (circa 300 milioni di euro) e alla prevista uscita da due segmenti di Drs (circa 200 milioni di euro).

La nota aggiunge che il cda "ha preso atto positivamente della relazione dell'Ad Mauro Moretti in merito all'ulteriore progresso del processo di dismissione nel settore trasporti e gli ha confermato l'indicazione di proseguire le negoziazioni con l'obiettivo di raggiungere al più presto una conclusione favorevole" delle trattativa avviate con i giapponesi di Hitachi e i cinesi di Insigma.

I clienti Reuters possono leggere la versione integrale del comunicato con un doppio clic su.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia