Ex-sede Unicredit, 3 in corsa, se offerte basse vendita a rischio -fonti

venerdì 23 gennaio 2015 17:16
 

MILANO, 23 gennaio (Reuters) - Da cinque sono rimasti in tre in gara per rilevare l'ex sede di UniCredit nel centro di Milano, con qualche variazione all'interno delle cordate rispetto alla fotografia scattata ai nastri di partenza.

Lo dicono alcune fonti vicine alla situazione che confermano anche lo slittamento al 9 febbraio (dal 26 gennaio) della scadenza per la presentazione delle offerte vincolanti. "E' in corso in questi giorni, e ormai in fase di conclusione, la due diligence tecnica", dice una delle fonti.

L'immobile di 50.000 mq in Piazza Cordusio è nel portafoglio del fondo Omicron Plus, gestito da Idea Fimit Sgr del gruppo De Agostini.

Sul deal sono rimasti Blackstone, Prelios con il fondo London & Regional Properties e Hines Italia Sgr con Adia (Abu Dhabi Investment Authority).

Al fondo di Abu Dhabi (che per primo aveva fatto un'offerta per l'immobile dando il la alla gara) si era affiancato anche il fondo sovrano di Singapore (Gic), ma secondo una fonte "Adia ha valutato l'asset più di Gic", che quindi potrebbe lasciare la partita, permettendo al fondo dell'Emirato di avanzare un'offerta più competitiva.

Fuori dai giochi JP Morgan e Sorgente che avevano inizialmente guardato il dossier.

Già a novembre, quando gli interessati erano cinque, varie fonti avevano parlato di offerte non vincolanti intorno ai 350 milioni. Anche oggi una fonte vicino a uno dei bidder parla di una forchetta tra 300 e 350 milioni, sotto quindi i 400 milioni indicati da Idea Fimit come prezzo target, anche se non ci sono conferme ufficiali.

Il rischio che domanda e offerta non si incontrino potrebbe anche, secondo una fonte, far saltare l'operazione che nelle intenzioni dovrebbe chiudersi nel primo trimestre di quest'anno.

  Continua...