Renzi: su ripartizione QE si può sempre fare di più ma andare avanti

venerdì 23 gennaio 2015 12:15
 

FIRENZE, 23 gennaio (Reuters) - Nella scelta della Bce di ieri di mutualizzare solo il 20% del rischio legato all'acquisto dei titoli sovrani si poteva fare di più ma la responsabilità adesso passa ai governi.

Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha risposto a Firenze, presente la Cancelliera tedesca Angela Merkel, a chi gli chiedeva se l'Italia fosse soddisfatta della decisione su come ripartire il rischio legato agli acquisti di titoli del debito sovrano che la Bce farà nell'ambito del quantitative easing annuniciato ieri.

Il rischio resta in capo per l'80% alla banca centrale nazionale del paese i cui bond sono stati acquistati e per il restante 20% viene mutualizzato in Bce.

"Si può sempre fare di più ma quel che è fatto è fatto e adesso bisogna lavorare", ha risposto Renzi.

L'Italia avrebbe preferito una maggiore o piena mutualizzazione dei rischi, al contrario della posizione tedesca, che alla fine sembra aver prevalso.

Renzi ha poi risposto a una domanda sulle prossime elezioni in Grecia di domenica e sui rischi che potrebbe comportare per l'eurozona una vittoria del partito di Syriza, critico con le misure di austerity imposte ad Atene.

"Non sono preoccupato dei risultati [delle elezioni] e soprattutto rispetto la libera determinazione dei cittadini della Grecia", ha detto Renzi.

"Dalla prossima settimana i 27 partner lavoreranno con il nuovo o con l'attuale, se sarà confermato, primo ministro greco con grande disponibilità e nel rispetto del percorso che abbiamo già avviato. Credo che la situazione greca sarà affrontata insieme a tutti gli altri partner con tranquillità, decisione, rispetto del percorso stabilito e desiderio di tenere la Grecia dentro la grande storia europea".

(Giselda Vagnoni)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia