22 gennaio 2015 / 14:18 / tra 3 anni

PUNTO 1-Bce lancia QE, acquisti asset pubblici e privati per 60 mld mese

(riscrive con commenti Draghi in conferenza stampa)

FRANCOFORTE, 22 gennaio (Reuters) - Il quantitative easing ora è realtà. A partire da marzo la Bce acquisterà titoli pubblici e privati per la cifra di 60 miliardi di euro al mese, fino alla fine di settembre del 2016.

L‘annuncio è arrivato dal presidente Mario Draghi, nella attesissima conferenza stampa al termine del meeting odierno del direttivo della banca centrale, di fronte a una dinamica dell‘inflazione che continua a essere più debole del previsto.

Il Consiglio “ha deciso di lanciare un‘espansione dell‘attuale programma di acquisto asset, che comprenda i programmi di acquisto esistenti di cartolarizzazioni e covered bond” ha dichiarato il governatore. “Nell‘ambito dell‘espansione del programma, gli acquisti mensili complessivi di titoli del settore privato e del settore pubblico ammonteranno a 60 miliardi”.

Il presidente della Bce ha sottolineato che “gli acquisti saranno condotti fino alla fine di fine settembre del 2016 e in ogni caso fino a che non si osservi un sostenibili aggiustamento del sentiero d‘inflazione, che sia coerente col nostro obiettivo di raggiungere tassi di inflazione inferiori ma vicini al 2% nel medio termine”.

Gli acquisti di titoli saranno bastati sulla quota di partecipazione dei singoli paesi al capitale della Bce; il 20% degli acquisti effettuati saranno soggetti a ripartizione delle perdite.

Draghi ha poi sottolineato che la Bce non acquisterà oltre il 25% di ogni singola emissione e non arriverà a detenere più del 33% delle emissioni di ogni singolo emittente.

DINAMICA INFLAZIONE PIÙ DEBOLE DI ATTESE

Due le ragioni che hanno spinto la Bce ad adottare la decisione odierna.

“Primo, la dinamica dell‘inflazione ha continuato a essere più debole delle aspettative” ha spiegato il presidente della Bce. “Secondo, se le misure di politica monetaria adottate tra giugno e settembre dell‘anno scorso sono risultate in un miglioramento materiale dei prezzi sui mercati finanziari, questo non è successo per quel che riguarda i risultati quantitativi”.

Il lancio del QE era ormai ampiamente previsto dal mercato: l‘ultimo sondaggio Reuters indicava una probabilità del 70% all‘annuncio nel meeting di oggi.

TASSI HANNO RAGGIUNTO MINIMO

Draghi ha inoltre annunciato la decisione di cambiare i tassi di interesse applicati alle sei rimanenti operazioni di finanziamento Tltro, che saranno ora uguali al tasso di rifinanziamento principale in vigore al momento dell‘operazione

Al termine del meeting, la Bce ha inoltre lasciato invariati i tassi di interesse: 0,05% per il tasso di rifinanziamento principale, -0,2% per quello sui depositi marginali e +0,3% per quello sui prestiti overnight.

I tassi, ha spiegato Draghi in conferenza stampa, hanno raggiunto il loro livello minimo.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below