Unicredit non guarda a M&A in Italia, no a voto plurimo - Ghizzoni

martedì 20 gennaio 2015 18:40
 

MILANO, 20 gennaio (Reuters) - I soci di UniCredit non hanno espresso una preferenza per l'introdizione del voto plurimo, che concede diritti speciali agli azionisti di più lungo corso, e quindi non sarà formulata alcuna proposta alla prossima assemblea di bilancio.

Lo ha detto il Ceo Federico Ghizzoni nel briefing dopo il cda odierno.

"Abbiamo sentito tutti gli azionisti, anche gli istituzionali. Ci sembra che la preferenza sia per non introdurre il voto plurimo, ha spiegato.

"Non abbiamo portato la proposta al cda di gennaio e quindi a questo punto credo che non la porteremo in assemblea", ha aggiunto.

Ghizzoni ha poi sottolineato che UniCredit non è interessata ad acquisizioni in Italia anche dopo la decisione odierna del consiglio dei ministri sulla trasformazione in spa delle principali banche popolari.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia