PUNTO 1-Bce, QE deve essere grande, da decidere su quali paesi - Coeure

venerdì 16 gennaio 2015 10:17
 

(Aggiunge dichiarazioni da altra intervista)

FRANCOFORTE, 16 gennaio (Reuters) - Qualsiasi programma di 'quantitative easing' deve essere di grande portata per essere efficace. Lo ha detto oggi, in un'intervista a un giornale, il membro del board Bce Benoit Coeure.

"Perché sia efficiente, deve essere grande" ha detto Coeure all'Irish Times. "Quanto è 'abbastanza grande'? Anche questo deve essere una decisione presa con cognizione di causa sulla base di quello che sappiamo sui canali di trasmissione".

L'obiettivo del piano di 'QE' sarebbe di ancorare le condizioni di finanziamento a lungo termine dei paesi periferici e in generale della zona euro, ha detto Coeure in un'altra intervista pubblicata dal francese Liberation. Coeure ha anche detto che Francoforte deve decidere se l'acquisto di bond dovrà concentrarsi su paesi specifici o interesserà l'intera zona euro.

Secondo quanto riportato dall'Irish Times, commentando la volontà della Bce di accettare collaterale dalla Grecia per le sue operazioni di finanziamento, ha detto: "Abbiamo la regola che ogni collaterale governativo possa essere accettato per operazioni di politica monetaria solo se ha un rating abbastanza buono oppure, se il rating non è abbastanza buono, se il paese rientra in un programma Eu/Fmi".

Alla domanda di Liberation su cosa potrebbe accadere dopo le elezioni greche del 25 gennaio, Coeure ha detto: "E' fuori questione che la Grecia possa lasciare l'euro".

La Bce è in procinto di annunciare un nuovo schema per acquistare titoli di stato della zona euro noto come 'quantitative easing', forse anche già la prossima settimana, per combattere la deflazione e rimettere l'affaticata economia su un cammino di solidità.

- Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia