BORSE ASIA-PACIFICO - Sale volatilità dopo mossa su franco svizzero

venerdì 16 gennaio 2015 08:32
 

INDICE                        ORE  8,30    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                     469,47       -0,41    467,23
 TOKYO                         16.864,16    -1,43    17.450,77
 HONG KONG                     24.135,33    -0,89    23.605,04
 SINGAPORE                     3.299,63     -1,17    3.365,15
 TAIWAN                        9.138,29     -0,29    9.307,26
 SEUL                          1.888,13     -1,36    1.915,59
 SHANGHAI COMP                 3.377,43     1,23     3.234,68
 SYDNEY                        5.299,24     -0,60    5.411,02
 MUMBAI                        28.121,97    0,17     27.499,42
 
    16 gennaio (Reuters) - L'azionario dell'area Asia-Pacifico è in flessione in
un contesto di aumentata volatilità dopo la decisione a sorpresa della Svizzera
che ha abbandonato il tetto per il franco svizzero, scuotendo i mercati già
provati dal calo dei prezzi delle materie prime. 
    Intorno alle 8,30 italiane, l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico
, che non comprende Tokyo, perde lo 0,4% a 467 punti circa,
mentre la Borsa giapponese ha perso l'1,43%.
    Il dollaro ha toccato un mimimo da un mese contro la divisa giapponese a
115,85 yen mentre il prezzo del greggio resta sotto 50 dollari a barile.
    Le azioni in Australia hanno segnato la quinta sessione consecutiva
in rosso, guidate nel ribasso da finanziari e titoli energetici che risentono
del calo dei prezzi delle materie prime per una economia pesantemente dipendente
dall'export di risorse naturali. Alla fine l'indice S&P/ASX 200 ha
chiuso in calo dello 0,6% finendo la peggiore settimana da un anno e mezzo.
    Seul ha perso l'1,36% risentendo della volatilità innescata dalla decisione
Svizzera sul franco.
    La Borsa di Mumbai in India ha chiuso poco variata dopo aver segnato ieri il
suo miglior rialzo in otto mesi, frenata oggi dal calo di alcuni teconologici
come Tata Consultancy Services, in calo dell'1,6% dopo aver riportato ricavi
sotto le attese.
    SHANGHAI  continua a correre e ha chiuso in progresso dell'1,2% che
fa salire al 2,8% il rialzo settimanale dell'indice Shanghai Composite.
    Il produttore di treni Cnr  è salito sulla notizia che
appare il favorito per una gara in Messico, mentre il settore energetico è stato
sostenuto dai dati 2014 sul consumo di energia in Cina, salito del 3,8%.
    Tra i più trattati a Shanghai, Bank Of China è salita del 2,7%,
mentre a Shenzhen, Guosen Securities ha perso l'1,2%.
    La borsa di HONG KONG arretra dello 0,85% risentendo del calo a Wall
Street. Prada perde l'1,4%.
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia