Saipem-Algeria, legali Bedjaoui ribadiscono estraneità ad accuse

giovedì 15 gennaio 2015 19:42
 

ROMA, 15 gennaio (Reuters) - Gli avvocati di Farid Noureddine Bedjaoui, indagato nel procedimento penale della procura di Milano su commesse Eni -Saipem in Algeria, ribadiscono l'estraneità del proprio assistito alle accuse contestate.

"I legali confidano che al più presto l'ipotesi d'indagine sia sottoposta al vaglio del Giudice dell'Udienza Preliminare, affinché sia accertata al più presto la totale estraneità alle accuse del Sig. Bedjaoui", si legge nella nota firmata dagli avvocati Roberto Pisano e Giuseppe Staiano.

Fra l'altro la nota dice che "Saipem si è aggiudicata, nel periodo rilevante 2006-2010, sette appalti, rispetto agli oltre venti ai quali aveva partecipato; e che in tali sette casi l'offerta formulata da Saipem è risultata essere quella 'al prezzo più basso' per la realizzazione dell'appalto e tecnicamente la più qualificata, vale a dire in assoluto la più vantaggiosa per l'ente appaltante algerino Sonatrach".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia