Bpm, voto contrario a modifica governance sarebbe bocciatura vertici - Uilca

mercoledì 14 gennaio 2015 16:27
 

MILANO, 14 gennaio (Reuters) - Un nuovo eventuale voto a sfavore delle proposte di modifiche della governance di Pop Milano nell'assemblea di aprile costituirebbe una "solenne bocciatura" del management della banca che pure ha il merito di avere impresso un nuovo corso positivo all'istiuto.

E' quanto si legge in un comunicato del sindacato Uilca all'indomani del direttivo nazionale di Bpm nel quale è stata ribadita la necessità di coinvolgere i lavoratori e i soci dipendenti nel cantiere sulla governance in vista dell'assemblea di aprile.

La Uilca è disponibile a discutere delle nuove proposte di modifica della governance ma queste, nell'ambito di un nuovo quadro regolamentare e di possibili operazioni di M&A "devono tendere ad un rafforzamento del capitale senza che ciò vada a scapito dei soci e del voto capitario".

In merito alle proposte la sigla sindacale esprime "forti perplessità" riguardo alla creazione di una 'fondazione' tra i dipendenti "in quanto non sono ancora chiare le finalità, gli scopi e il reale utilizzo di questo strumento". Tuttavia la segreteria nazionale esaminerà le potenzialità di possibile forme partecipative.

Relativamene agli aspetti di business per la Uilca "il bilancio 2014 della banca si dovrebbe chiudere positivamente e questo segna un'inversione di tendenza rispetto allo scorso anno".

Alla luce di questo, aggiunge il sindacato, "occorre quindi che ci sia una redistribuzione degli utili non solo sugli azionisti ma soprattutto su coloro che hanno conseguito tale risultato, cioè i dipendenti".

"La Uilca da anni ha scommesso sul rilancio della Bpm, se i risultati auspicati saranno confermati, dimostra che abbiamo visto giusto", commenta il segretario generale Massimo Masi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia