BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in difesa, su debolezza petrolio, dollaro

martedì 13 gennaio 2015 08:47
 

INDICE                        ORE  8,35    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                     470,93       0,30     467,23
 TOKYO                         17.087,71    -0,64    17.450,77
 HONG KONG                     24.225,77    0,83     23.605,04
 SINGAPORE                     3.340,10     -0,14    3.365,15
 TAIWAN                        9.231,80     0,58     9.307,26
 SEUL                          1.917,14     -0,20    1.915,59
 SHANGHAI COMP                 3.236,40     0,22     3.234,68
 SYDNEY                        5.404,69     -0,33    5.411,02
 MUMBAI                        27.519,64    -0,24    27.499,42
 
    13 gennaio (Reuters) - L'azionario dell'area Asia-Pacifico è in prevalenza
sulla difensiva con gli investitori che mostrano cautela verso il rischio per il
rinnovato calo del petrolio e la debolezza del dollaro che ha toccato il minimo
da un mese sullo yen.
    Intorno alle 8,30 italiane, l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico
, che non comprende Tokyo, guadagna lo 0,26%% a 470,77 punti
oscillando nella seduta attorno alla parità.
    La Borsa di Tokyo ha chiuso in calo contenuto dopo aver perso fino a oltre
il 2% nel corso della seduta.
    SHANGHAI ha chiuso in marginale rialzo dello 0,2% sostenuta dalla
domanda sulle small cap che ha più che bilanciato le prese di profitto sui
titoli guida. Gli analisti dicono che gli indici China Next e Shenzhen hanno
fatto meglio dell'indice generale per il prossimo lancio dello Shenzhen Stock
Connect, che darà agli investitori offshore accesso alle azioni dello Shenzhen.
    I dati cinesi sulla bilancia commerciale di dicembre migliori delle attese
non hanno avuto un impatto significativo sull'azionario.
    Tra i titoli più trattati a Shanghai, Bank Of China è salita
dello 0,9% mentre CITIC ha perso il 4,1% CSR Corp è
salita del 4%.
    BOE Technology ha recuperato 1,6% sullo Shenzhen.
    In crescita quasi di un punto percentuale la borsa di HONG KONG, con
Prada in rialzo dello 0,59%,  mentre SEUL ha chiuso in ribasso
risentendo della caduta del prezzo del petrolio. L'indice Kospi ha perso lo
0,20% con Hyundai Glovis fermata per eccesso di ribasso del 15% dopo
la mancata vendita per 1,25 miliardi di dollari di una quota di azioni.
    TAIWAN sale di circa mezzo punto mentre la borsa di SYDNEY 
arretra dello 0,3% chiudendo in calo la seconda seduta di fila.
     
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia