BORSE ASIA-PACIFICO - Indici deboli, ribassi a Shanghai

lunedì 12 gennaio 2015 08:46
 

INDICE                        ORE  8,30    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                     470,43       0,06     467,23
 TOKYO                         chiusa       -        17.450,77
 HONG KONG                     24.033,76    0,48     23.605,04
 SINGAPORE                     3.341,24     0,08     3.365,15
 TAIWAN                        9.178,30     -0,40    9.307,26
 SEUL                          1.920,95     -0,19    1.915,59
 SHANGHAI COMP                 3.231,06     -1,65    3.234,68
 SYDNEY                        5.422,70     -0,78    5.411,02
 MUMBAI                        27.371,35    -0,32    27.499,42
 
    12 gennaio (Reuters) - L'azionario asiatico è in prevalenza debole con la
borsa di Tokyo chiusa per festività e la piazza di Shanghai in ribasso, con gli
investitori che hanno venduto per monetizzare in vista delle nuove quotazioni in
settimana.
    Intorno alle 8,30 italiane, l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico
, che non comprende Tokyo, guadagna lo 0,11%% a 467,23 punti.
    SHANGHAI ha chiuso in calo dell'1,7% in vista di 22 Ipo che in
settimana catalizzeranno l'attenzioni degli investitori, che oggi hanno
monetizzato vendendo azioni. Tra i titoli più trattati a Shanghai c'è stata la
Bank Of China, in calo dell'1,3%, CSR Corp, in flessione
analoga e Agricultural Bank Of China che ha perso il 2,1%.
    Cali anche di BOE Technology che perde il 3,3% a Shenzhen, TCL
CORP (-0,8%) e China Vanke (-2,5%)
    In crescita moderata la borsa di HONG KONG che sale di mezzo punto
circa con Prada in flessione del 2%.
    SEUL ha chiuso in ribasso dopo tre sedute di rialzi in fila, con gli
investitori che preferiscono monetizzare i guadagni sui timori per un
rallentamento della crescita globale.
    TAIWAN chiude poco al di sotto della parità. 
    SYDNEY arretra dello 0,78% appesantita dai titoli legati alle
materie prime che risentono dei cali dei prezzi di petrolio e acciaio. 
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia