PUNTO 1-Portugal Telecom, per presidente assemblea fusione con Oi non è valida

venerdì 9 gennaio 2015 10:42
 

(Aggiunge nuovi dettagli dalla lettera)

LISBONA, 9 gennaio (Reuters) - Il presidente dell'assemblea di Portugal Telecom SGPS (PT SGPS) ha proposto al cda di cancellare il voto di lunedì sulla vendita degli asset portoghesi di Oi, affermando che l'accordo per la fusione tra la stessa Oi e PT è non è valido.

In una lettera datata 6 gennaio, cui Reuters ha avuto accesso, Antonio Menezes Cordeiro dice che una nuova assemblea dovrebbe essere convocata con due punti all'ordine del giorno: mettere fine alla fusione con Oi o approvare la vendita delle attività protoghesi al gruppo Altice.

Oi ha già raggiunto un accordo con Altice per la cessione delle attività portoghesi a 7,4 miliardi di euro, che ha bisogno però dell'approvazione degli azionisti di PT SGPS, holding che è anche il primo socio di Oi con una quota del 25,6%.

Secondo Menezes Cordeiro, il contratto per la fusione può essere risolto perchè PT SGPS era in stato di default dopo l'accordo per cedere gli asset portoghesi.

Lo stato di default "permette a PT SGPS di risolvere il contratto, per la legge portoghese e quella brasiliana", scrive il presidente dell'assemblea.

"La risoluzione è stragiudiziale, e immediatamente realizzabile (...) gli azionisti di PT SGPS hanno tutto da guadagnare dalla risoluzione del contratto. Si può pensarla in modo diverso solo per mancanza di informazioni", aggiunge.

"La risoluzione è retroattiva e pone Portugal Telecom SGPS nella posizione in cui era prima della conclusione del contratto: può recuperare la totalità di PT Portugal e restituire le azioni ricevute in cambio", aggiunge.

Ieri il cda di PT SGPS ha smentito le indiscrezioni su un rinvio dell'assemblea, affermando che solo gli azionisti possono prendere una decisione in questo senso.   Continua...