Portugal Telecom, per presidente assemblea fusione con Oi non è valida

venerdì 9 gennaio 2015 09:38
 

LISBONA, 9 gennaio (Reuters) - Il presidente dell'assemblea di Portugal Telecom SGPS (PT SGPS) ha proposto al cda di cancellare il voto di lunedì sulla vendita degli asset portoghesi di Oi, affermando che l'accordo per la fusione tra la stessa Oi e PT è non è valido.

In una lettera datata 6 gennaio, cui Reuters ha avuto accesso, Antonio Menezes Cordeiro dice che una nuova assemblea dovrebbe essere convocata con due punti all'ordine del giorno: mettere fine alla fusione con Oi o approvare la vendita delle attività protoghesi al gruppo Altice.

Oi ha già raggiunto un accordo con Altice per la cessione delle attività portoghesi a 7,4 miliardi di euro, che ha bisogno però dell'approvazione degli azionisti di PT SGPS, holding che è anche il primo socio di Oi con una quota del 25,6%.

Secondo Menezes Cordeiro, il fatto che Oi abbia un'intesa per la vendita degli asset portoghesi significa che l'accordo per la fusione PT-Oi non è più valido.

Ieri il cda di PT SGPS ha smentito le indiscrezioni su un rinvio dell'assemblea, affermando che solo gli azionisti possono prendere una decisione in questo senso.

Ha però aggiunto che l'approvazione della vendita significherebbe abbandonare l'obiettivo della fusione con Oi, concordata lo scorso anno, che puntava a creare un operatore leader a livello globale con circa 100 milioni di clienti.

Oi controlla ora PT Portugal, gli asset operativi che appartenevano a PT SGPS prima della fusione.

Oi ad agosto 2014 ha detto che sta studiando l'acquisizione della quota di Telecom Italia in Tim Brasil . Telecom Italia ha detto che intende esplorare la possibilità di un'integrazione con Oi.

  Continua...