BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in ripresa, si guarda al greggio

mercoledì 7 gennaio 2015 08:50
 

INDICE                        ORE  8,30    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                     459,15       0,09     467,23
 TOKYO                         16.885,33    0,01     17.450,77
 HONG KONG                     23.637,55    0,65     23.605,04
 SINGAPORE                     3.301,97     0,61     3.365,15
 TAIWAN                        9.080,09     0,35     9.307,26
 SEUL                          1.883,83     0,07     1.915,59
 SHANGHAI COMP                 3.374,45     0,69     3.234,68
 SYDNEY                        5.353,61     -0,21    5.411,02
 MUMBAI                        26.956,46    -0,11    27.499,42
    7 gennaio (Reuters) - L'azionario Asia-Pacifico si muove piatto oggi con
tutte le borse in lieve ripresa, attendiste per l'andamento del prezzo del
petrolio e dell'economia mondiale o sospinte da ragioni interne come in Cina,
dove l'autorità di controllo ha promesso nuove e più morbide regole per le
società finanziarie.
    Intorno alle 8,30 italiane l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico
, che non comprende Tokyo, guadagna lo 0,14% a 459,52 punti.
L'indice giapponese Nikkei ha chiuso a 0,01%.
    Sono attese poco variate in apertura le borse europee.
    SHANGHAI ha chiuso in rialzo avvicinadosi al massimo degli ultimi
cinque anni. Ha dato una spinta al mercato il settore del brokeraggio dopo
l'annuncio dell'autorità di controllo che è in programma un allentamento delle
regole per le aziende del comparto finanziario. I titoli più trattati sono stati
quelli di Bank Of China, in calo dello 0,4%; Agricultural Bank Of
China, giù dell'1,5% e Zijin Mining, in crescita del
6,1%.
    In crescita la borsa di HONG KONG, che si è mossa in linea con i
mercati cinesi. Prada perde il 2%.
    SEUL ha chiuso in lieve ripresa, dopo che ieri ha fatto registrare
la maggior perdita giornaliera dell'anno. Il mercato si è avvantaggiato delle
ricoperture sui titoli che ieri hanno sofferto maggiormente.
    TAIWAN in recupero sostenuto da Media Tek il maggior
progettista di chip per smartphone, che ha guadagnato il 4%. 
    SYDNEY è stato l'unico mercato dell'area che si è mosso per il
secondo giorno consecutivo in territorio negativo sull'onda delle preoccupazioni
per l'andamento del prezzo del petrolio che hanno penalizzato i titoli del
settore energetico. I titoli del settore bancario e dell'industria estrattiva
hanno aiutato a stabilizzare il mercato. Denaro anche sulle azioni delle aziende
del settore aurifero, della sanità e dell'immobiliare come Westfield e
Scentre.
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia