BORSE ASIA-PACIFICO -Seduta positiva, Tokyo e Shanghai ancora chiuse

venerdì 2 gennaio 2015 08:52
 

INDICE                        ORE  8,40    VAR %    CHIUS. 2013
 ASIA-PAC.                     468,48       0,27     468,16
 TOKYO                         CHIUSA       /        16.291,31
 HONG KONG                     23.803,08    0,84     22.656,92
 SINGAPORE                     3.372,25     0,21     3.167,43
 TAIWAN                        CHIUSA       /        8.611,51
 SEUL                          1.926,44     0,57     2.011,34
 SHANGHAI COMP                 CHIUSA       /        2.115,98
 SYDNEY                        5.435,93     0,46     5.352,21
 MUMBAI                        27.876,45    1,34     21.170,68
 
    2 gennaio(Reuters) - Seduta positiva oggi per i mercati dell'areea
Asia-Pacifico, con le borse di Cina, Giappone, Thailandia e Filippine ancora
ferme per festività.
    Intanto l'euro ha iniziato il nuovo anno segnando contro dollaro un minimo
da 29 mesi in Asia, dopo che il presidente della Banca centrale europea Mario
Draghi ha ventilato la possibilità di misure importanti sullo stimolo economico
già in questo mese, sottolineando il crescente vantaggio del biglietto verde.
    C'è attesa dunque per la riunione della Bce del 22 gennaio, e i mercati
puntano sulla decisione di dare avvio all'acquisto di bond sovrani, seguendo le
orme delle banche centrali di Regno Unito, Usa e Giappone.
    L'euro è sceso sotto quota 1,2050, mentre il dollaro ha toccato il
picco di nove anni contro un paniere di monete.
    Intanto la Cina ha registrato ieri un nuovo calo nell'indice Pmi
manifatturiero ufficiale, sceso a 50,1 per dicembre dopo il 50,3 di novembre. Il
dato negativo è stato comunque contrastato da un aumento del Pmi per il settore
servizi a 54,1, che lascia sperare in un "soprasso" dei servizi sul
manifatturiero come volano di crescita. In ogni caso, gli investitori sono
concentrati sulla possibilità che Pechino vari un nuovo pacchetto di stimolo per
evitare un rallentamento più marcato dell'economia, che potrebbe provocare
perdite di posti di lavoro e fallimenti.
     Intorno alle 8,40 italiane l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico
, che non comprende Tokyo, guadagna lo 0,27% circa a 468,48
punti.
    SYDNEY ha guadganto lo 0,5% nel primo giorno di scambi dell'anno
nuovo, grazie ai titoli minerari e industriali. Per il 2014 l'indice S&P/ASX 200
ha segnato un rialzo solo dell'1%, rispetto ai robusti guadagni dei due anni
precedenti.
    HONG KONG segna un aumento dello 0,8%, grazie ai comparti
dell'immobiliare e ai titoli finanziari. L'indice Hang Seng si avvia così a
registrare la migliore settimana (+1,8%) sulle ultime cinque. Prada 
segna +0,11%.
    MUMBAI guadagna oltre l'1,3%, sesta seduta consecutiva in rialzo,
grazie ai titoli bancari e mentre il Pmi della manifattura ha segnato a dicembre
un aumento al ritmo più elevato da due anni a questa parte.
    SEUL inverte la seduta e guadagna quasi lo 0,6%, grazie anche al
titolo Samsung Sds - quotata da novembre scorso - che segna un aumento superiore
all'8%.
    
    
Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su
www.twitter.com/reuters_italia