Borsa Milano chiude positiva, pesante Mps, Seat -90%, bene il lusso

lunedì 22 dicembre 2014 17:50
 

MILANO, 22 dicembre (Reuters) - Piazza Affari termina in rialzo una seduta dal clima quasi festivo in vista del lungo ponte natalizio. Spunti un po' su tutti i settori, con l'eccezione dell'energia e di Mps.

"Il mercato è abbastanza volatile e, da qui alla fine dell'anno, non ci sono grandi attese di rialzo. I riflettori sono puntati al prossimo anno", osserva un trader.

L'indice FTSE Mib sale dello 0,48%, l'AllShare dello 0,47%. Volumi sottili prima della pausa natalizia, con un controvalore intorno a 1,9 miliardi di euro. Positive anche le altre borse europee: l'indice benchmark FTSEurofirst avanza dello 0,39%.

Chiudono male i titoli del comparto energetico, influenzati positivamente stamani dall'andamento al rialzo del greggio, ma hanno iniziato a scendere nel pomeriggio dopo che la materia prima si è girata in negativo. TENARIS in calo dello 0,24%, mentre SAIPEM cede l'1,33% ed ENI l'1,01%.

Positivi i titoli bancari, con l'eccezione di Mps, che lascia sul terreno il 6,88% a 0,4640 euro. A questi prezzi la banca capitalizza meno del prossimo aumento di capitale fino a 2,5 miliardi. Tra i fattori che guarda il mercato e che ricorrono nelle considerazioni degli analisti ci sono le stime su quanti accantonamenti per perdite su crediti farà la banca nell'ultimo trimestre. Poi c'è l'attesa per la valutazione finale della Bce sui piani di copertura dello shortfall. Infine il mercato guarda al timing dell'aumento e la prospettiva, più volte indicata dai vertici aziendali, di una contestuale ricerca di un partner strategico con cui valutare un merger.

In ribasso anche FINMECCANICA (-1,64%). Debole anche TELECOM ITALIA (-1,1%).

Tonici i titoli del lusso, con MONCLER che sale del 3,06% e TOD'S dell'1,87%.

Ben raccolta anche AUTOGRILL che guadagna il 3,63%. I trader citano sia un upgrade sul titolo venerdì scorso da parte di un broker italiano sia la commessa vinta in Olanda.

Tra i titoli a minore capitalizzazione, SEAT cede l'89%.   Continua...