Borsa Milano in rialzo grazie a Fed, bene finanziari e petroliferi

giovedì 18 dicembre 2014 11:58
 

MILANO, 18 dicembre (Reuters) - Piazza Affari tonica al termine di una prima parte di seduta che ha beneficiato della posizione attendista assunta dalla Federal Reserve in materia di politica monetaria.

Sfruttando la scia del rally di Wall Street, tutte le borse europee stanno registrando un flusso di acquisti generalizzati.

Attorno alle ore 12, l'indice FTSE Mib guadagna l'1,9% circa, tornando intraday sopra quota 19.000 punti per la prima volta dal 12 dicembre scorso. L'AllShare sale dell'1,9% circa e il Mid Cap dell'1,8% circa.

Volumi per un controvalore di circa 1,3 miliardi di euro.

I futures sugli indici di Wall Street fanno pensare a un avvio di seduta molto positivo.

Obbligazionario Usa poco mosso: il benchmark decennale cede 4/32 e rende il 2,16%.

I finanziari sono i principali beneficiari dell'atteggiamento di Janet Yellen: il paniere delle banche avanza del 2,2% circa, con INTESA SANPAOLO e UNICREDIT a scandire il passo. Bene BANCO POPOLARE, POPOLARE MILANO e UBI.

MONTEPASCHI e CARIGE un po' frenate dalle anticipazioni sulle richieste della Bce per dare il via libera ai piani di salvataggio. Commentando, a proposito di Mps, le indiscrezioni su uno stallo nel processo di cessione di Consum.it, Icbpi scrive che "la cessione delle attività nel credito al consumo rientra, insieme a quelle nel comparto del leasing, tra le operazioni del capital plan presentato in Bce per coprire lo shortfall di circa 2,5 miliardi. Il piano prevede benefici da ulteriori azioni di capital management fino a 220 milioni, oltre a 390 milioni derivanti dalla differenza tra i proventi operativi previsti per il 2014 e quelli stimati nello scenario avverso dello stress test".   Continua...