Fisco, Ue chiede a 28 membri dettagli ruling con aziende

mercoledì 17 dicembre 2014 12:33
 

BRUXELLES, 17 dicembre (Reuters) - La Commissione europea ha chiesto a tutti i 28 paesi membri dell'Unione di fornire i dettagli degli accordi relativi al trattamento fiscale siglati con le aziende nel periodo 2010-2013, allargando così lo spettro dell'indagine sull'elusione fiscale delle società.

"Abbiamo bisogno di un quadro completo delle pratiche di tax ruling all'interno dell'Unione europea per stabilire se e dove la concorrenza all'interno del mercato unico sia stata disorta tramite vantaggi fiscali selettivi", ha dichiarato in una nota il commissario europeo alla Concorrenza Margrethe Vestager.

Dal giugno dall'anno scorso, la Commissione Ue ha chiesto chiarimenti sugli accordi garantiti da Lussemburgo, Irlanda, Paesi Bassi, Regno Unito, Cipro, Malta e Belgio.

L'antitrust europeo ha anche chiesto a Belgio, Cipro, Francia, Ungheria, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Regno Uniti di fornire informazioni relative alle cosiddette 'patent boxes', in cui gli sconti fiscali sono legati ai brevetti.

Il colosso della caffetteria Starbucks, Apple , Fiat e Amazon sono già finite sotto la lente della Commissione per il trattamento fiscale loro riservato da Paesi Bassi, Irlanda e Lussemburgo (per le ultime due), in odore di aiuto di Stato.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia