Borsa Usa in calo su timori tenuta domanda globale

martedì 9 dicembre 2014 16:32
 

NEW YORK, 9 dicembre (Reuters) - Gli indici di Wall Street sono in calo sulle preoccupazioni per l'impatto del basso prezzo del greggio sull'economia globale e per le conseguenze sulla zona euro delle turbolenze politiche in Grecia.

Oggi il Brent ha toccato un nuovo minimo degli ultimi cinque anni a 65,29 dollari al barile. Il greggio è sotto pressione da quando il dollaro ha iniziato a rafforzarsi e l'Opec ha deciso di non tagliare la produzione.

"E' il greggio, il greggio e ancora il greggio, tutti gli occhi sono puntati lì perchè, anche se certamente dà sostegno alla ripresa dell'economia attraverso il consumatore, distoglie l'attenzione dai settori ciclici", spiega Anastasia Amoroso, strategist di JP Morgan Funds.

"Fino a quando non vedremo una stabilizzazione dei prezzi del greggio, è difficile vedere una stabilizzazione dei prezzi dei titoli energetici e questi continueranno a pesare sul mercato", conclude.

Anche le tensioni politiche in Grecia contribuiscono ad alimentare il nervosismo tra gli inevstitori. Il governo ha anticipato di due mesi il voto parlamentare per il presidente della Repubblica, con una decisione che rischia di portare a elezioni anticipate.

Zavorrano gli indici anche le speculazioni che la Fed la prossima settimana potrebbe dire che manterrà i tassi vicino a zero per un "periodo consistente", cambiando l'espressione usata negli ultimi anni.

Intorno alle 16,20 italiane, il Dow Jones cede l'1,1%, così come l'S&P 500, mentre il Nasdaq segna -1,19%.

Tra i singoli titoli, Seadrill guadagna oltre il 4% dopo che John Fredriksen, maggior azionista della società, ha leggermente incrementato la propria quota.

Bluebird Bio balza del 58% dopo aver annunciato il successo di uno studio.   Continua...