Btp in calo, downgrade S&P e questione Grecia portano volatilità

martedì 9 dicembre 2014 12:16
 

MILANO, 9 dicembre (Reuters) - Prevalgono ancora le vendite
sul mercato obbligazionario italiano, già penalizzati ieri a
seguito del taglio venerdì sera dal rating sovrano italiano ad
opera di S&P.
    Al di là degli effetti del downgrade italiano, tutto
l'obbligazionario europeo appare oggi scontare uno scarso
appetito per il rischio, nonostante quotazioni che di fatto si
discostano di poco dai massimi.
    "S&P ha dato sicuramente un po' di volatilità ad un mercato
che di fatto è stato a lungo unidirezionale" spiega un trader da
Milano. "Aggiungiamo anche la questione della Grecia, che torna
a movimentare le acque".
    Secondo quanto emerso ieri dall'Eurogruppo la Grecia ha
chiesto un'estensione di due mesi del piano di bailout, la cui
conclusione era prevista per fine 2014 e nel
frattempo ad Atene è stato deciso un anticipo di due mesi delle
elezioni per la presidenza della repubblica, decisione che
potrebbe portare ad elezioni anticipate anche per il parlamento.
    "Qualche vendita vista stamattina sull'Italia è
probabilmente arrivata da chi non è riuscito a vendere ieri per
via dei volumi sottili dell'8 dicembre" prosegue il trader.
"Ieri la curva si è appiattita, in particolare per la flessione
del breve, oggi invece è penalizzato soprattutto il tratto 10
anni".
    
    TASSO DECENNALE IN AREA 2%
    A metà seduta lo spread di rendimento tra Btp e Bund
decennali scambia a 127 punti base, in allargamento di quattro
punti dalla chiusura di ieri. Lo spread è sceso venerdì scorso
fino a 117 punti base, minimo da luglio 2010.
    Parallelamente il tasso sul Btp a 10 anni si riporta sulla
soglia del 2%, dopo aver ritoccato anche ieri in chiusura il
minimo dall'introduzione dell'euro dell'1,95%.    
    "Qualche seduta negativa ci sta, specie dopo il downgrade,
ma non dimentichiamo che siamo sui massimi", spiega un secondo
trader. "Si potrebbe risalire al 2,05-2,10% ma credo che il
mercato italiano terrà bene, almeno fino a fine gennaio, tra
nuova liquidità in arrivo col Tltro e attesa per il quantitative
easing della Bce".
    Sul primario domani si svolgerà l'asta Bot, ultimo
collocamento italiano con regolamento sul 2014 a seguito della
cancellazione delle aste a medio-lungo di metà mese. In offerta
andranno buoni a 12 mesi, su un pari importo in scadenza 
.
    Oggi intanto la Spagna ha collocato 4,5 miliardi complessivi
di carta a 6 e 12 mesi, con rendimenti in lieve risalita
. 
    
=========================== 12,00 ==============================
FUTURES BUND DIC.          153,49    ( inv.)
FUTURES BTP DIC.           134,24    (-0,48)
BTP 2 ANNI  (AGO 16)    101,930  (-0,080)  0,535%
BTP 10 ANNI (DIC 24)   104,600  (-0,412)  1,999%
BTP 30 ANNI (SET 44)   127,241  (-0,431)  3,331%
========================= SPREAD (PB)===========================
                                                 ULTIMA CHIUSURA
TREASURY/BUND 10 ANNI   155           157 
BTP/BUND 2 ANNI           57            53
BTP/BUND 10 ANNI       127           123
livelli minimo/massimo              125,9-130,9   122,0-126,1   
BTP/BUND 30 ANNI       178           174
SPREAD BTP 10/2 ANNI                   146,4         145,2      
  
SPREAD BTP 30/10 ANNI                  133,2         136,2 
================================================================
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia