Cdp, assemblea conferma Ad Gorno Tempini anche dopo inchiesta Trani

venerdì 5 dicembre 2014 13:41
 

ROMA, 5 dicembre (Reuters) - L'Assemblea degli azionisti di Cassa depositi e prestiti (Cdp) ha deliberato con voto unanime la permanenza nella carica dell'amministratore delegato, Giovanni Gorno Tempini, dopo che era stata convocata per verificare la corrispondenza alla cosiddetta "clausola etica" dell'amministratore.

E' quanto si legge in una nota che ricorda come l'atto si sia reso necessario "in seguito alle comunicazioni da parte della Procura di Trani relative alla citazione in giudizio di Gorno Tempini".

La necessità della pronuncia dell'assemblea nasce dalla citazione a giudizio da parte della procura di Trani di Gorno e di altri 14 indagati, appartenenti in passato al gruppo Intesa Sanpaolo, per l'ipotesi di truffa pluriaggravata e continuata, nell'ambito di un'indagine su alcuni strumenti finanziari messi sul mercato dalla banca.

La direttiva del ministero dell'Economia in tema di requisiti di onorabilità, infatti, prevede che l'amministratore di una società controllata dal ministero stesso in caso di citazione a giudizio per un reato non contravvenzionale - come la truffa pluriaggravata e continuata - ne dia immediata comunicazione al consiglio di amministrazione.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia