Rai, canone più basso d'Europa, seconda per produttività e margini-R&S

mercoledì 3 dicembre 2014 16:00
 

MILANO, 3 dicembre (Reuters) - Pur con il canone più basso d'Europa e il maggior tasso d'evasione, compensati da un maggiore affollamento pubblicitario, la Rai risulta seconda solo alla virtuosa Bbc per produttività e redditività tra le maggiori Tv pubbliche europee.

E' quanto emerge da un'analisi condotta da R&S di Mediobanca sui bilanci 2013 in occasione del periodico studio sui principali operatori televisivi italiani.

Si scopre così che se a livello di fatturato la tedesca Ard e la brittannica Bbc valgono più del doppio della Rai (oltre 6 miliardi di euro contro 2,6 miliardi, ne fattura circa 3 France Television), la Tv pubblica italiana batte tedeschi e francesi sotto il proflio economico-reddituale: nel 2013 il suo Roi si attesta a 11% (27,9% la Bbc) e il Roe a 1,7% (99,4% la Bbc), mentre entrambi gli indicatori sono negativi per France Television e Ard. I dipendenti sono circa 13.000 (alla Bbc sono 20.700, quasi 11.000 in Francia e 28.200 in Germania), ma l'efficienza complessiva (CLUP: il rapporto tra costo del lavoro e produttività) è pari a 91,7%, peggiore del 78% della Bbc ma meglio dei non sostenibili 104% e 105,9% registrati da Ard e France Television. Anche il margine operativo e il risultato netto sul fatturato sono positivi per la Rai (a 3,1% e a 0,2% contro 7% e 3% di Bbc) e negativi per le tv di Francia e Germania.

Tasto dolente per la Rai la struttura patrimoniale, con debiti finanziari al 151,4% nel 2013, peggio solo della Bbc (328,8%) contro il 34,8% della Tv francese e la sostanziale assenza di debiti di Ard. Inferiori alla media europea anche gli investimenti (2,6% degli immobilizzi contro il 4,5% della Bbc), dato che si riflette anche sull'età elevata dei cespiti, in gran parte quasi interamente ammortizzati.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia