BORSE ASIA-PACIFICO - Indici recuperano dopo calo iniziale

mercoledì 3 dicembre 2014 08:45
 

INDICE                        ORE  8,37   VAR %   CHIUS. 2013
 ASIA-PAC.                     470,82      -0,22   468,16
 TOKYO                         17.720,43   0,32    16.291,31
 HONG KONG                     23.465,97   -0,80   22.656,92
 SINGAPORE                     3.316,27    -0,18   3.167,43
 TAIWAN                        9.175,26    1,55    8.611,51
 SEUL                          1.969,91    0,21    2.011,34
 SHANGHAI COMP                 2.779,74    0,59    2.115,98
 SYDNEY                        5.321,82    0,77    5.352,21
 MUMBAI                        28.461,80   0,06    21.170,68
 
    3 dicembre (Reuters) - I mercati asiatici stanno recuperando
dopo aver perso terreno nel corso della notte, mentre Tokyo ha
chiuso per la quarta giornata di seguito in rialzo grazie al
deprezzamento dello yen sul dollaro, che aiuta l'export.
    Intorno alle 8,35 italiane l'indice MSCI 
perde lo 0,2% a 470,82 punti, ma gran parte delle singole borse
è in territorio positivo.
    I sondaggi Pmi indicano che in Cina il settore dei servizi
ha registrato a novembre una crescita leggermente maggiore, pur
se il dato non allontana i timori sul rallentamento
dell'economia cinese.
    "Le pressioni al ribasso sull'economia persistono", dice Qu
Hongbin, un economista della HSBC a Hong Kong, aggiungendo di
attendersi ulteriori scelte di quantitative easing nelle
prossime settimane.
    Intanto i prezzi del petrolio sono in lieve ripresa, dopo i
dati Api secondo cui le riserve Usa di greggio sono calate di
6,5 milioni di barili la settimana scorsa. Lunedì scorso il
greggio aveva toccato il livello minimo negli ultimi cinque
anni.
    Hong Kong è la piazza peggiore della regione (perde
oltre lo 0,8%) dopo aver registrato guadagni a inizio seduta,
mentre Shanghai ha chiuso in rialzo grazie al traino dei
titoli immobiliari e sull'ipotesi che il governo cinese stia per
varare una nuova politica di stimolo economico.
    Sydney chiude in rialzo, toccando quasi lo 0,8%. La
borsa australiana è sostanzialmente in rimbalzo, dopo aver perso
nei giorni scorsi il 4% in due sole sedute. Oggi il dollaro
australiano ha toccato i minimi da quattro anni, dopo che i dati
sorprendentemente deboli sulla crescita economica (il Pil è
cresciuto dello 0,3% nel terzo trimestre, meno della metà delle
attese e il tasso più basso dagli inizi del 2013) hanno spinto i
mercati a scommettere sulla possibilità di un taglio del tasso
d'interesse nel 2015.
    Taiwan ha chiuso con un guadagno di oltre l'1,5%
grazie ai titoli legati alla produzione automobilistica e ai
trasporti e nonostante il clima d'incertezza politica
nell'isola.
    
    
Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top
news anche su www.twitter.com/reuters_italia