Abi, primi segnali positivi su credito a famiglie e imprese - Patuelli

lunedì 1 dicembre 2014 11:31
 

* In primi 10 mesi erogati più mutui che nell'intero 2013

* Finanziamenti inferiori a 1 mln gen-ott +0,2% su anno

* Banche europee multate siano penalizzate

* Bce voti a maggioranza acquisto titoli di Stato

di Giselda Vagnoni

ROMA, 1 dicembre (Reuters) - Il mercato del credito italiano comincia a registrare i primi segnali positivi che dovrebbero prendere quota nei prossimi mesi grazie ad una congiuntura sostenuta dal calo di spread e greggio oltre che dal deprezzamento dell'euro, secondo il presidente dell'Associazione bancaria italiana, Antonio Patuelli.

"Ci sono fattori positivi. Il deprezzamento dell'euro favorirà le esportazioni, il calo del petrolio è un elemento di competitività per i prodotti italiani così come il calo dello spread", ha detto il presidente della Cassa di Risparmio di Ravenna in un seminario tenuto nel fine settimana.

Due i dati incoraggianti del settore, citati dal numero uno di Abi.

Nei primi dieci mesi dell'anno i prestiti erogati per l'acquisto di abitazioni in Italia sono cresciuti del 30,5% sullo stesso periodo del 2013 a 20,2 miliardi, superando l'intero ammontare dello scorso anno.   Continua...