Italia, Ue chiede ulteriore aggiustamento strutturale 0,2/0,3%

venerdì 28 novembre 2014 14:42
 

BRUXELLES, 28 novembre (Reuters) - La Commissione Ue chiede all'Italia un ulteriore aggiustamento strutturale del saldo di bilancio 2015 principalmente perchè ritiene ottimistiche le stime relative al gettito da lotta all'evasione fiscale e da gioco d'azzardo.

Con le proprie stime Bruxelles valuta l'aggiustamento strutturale, basato sui contenuti della legge di stabilità come rivista a fine ottobre, pari allo 0,1% e non allo 0,3% descritto nella lettera del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan.

Lo si legge nel documento tecnico a complemento dell'opinione sulla manovra pubblicata oggi da Bruxelles.

La Commissione chiede quindi all'Italia uno "sforzo supplementare" dello 0,2/0,3% in materia di aggiustamento strutturale in modo da poter centrare almeno un aggiustamento dello 0,3% o comunque "inferiore allo 0,5%" del Pil nel 2015.

La differente analisi rispetto a Padoan è dovuta principalmente "a una valutazione più prudente delle misure specifiche contenute nel Documento programmatico di bilancio aggiornato, ad esempio la lotta contro l'evasione fiscale tramite adempimento volontario e spesometro e le entrate aggiuntive derivanti dal gioco d'azzardo" si legge nel documento, che precisa che il risultato di bilancio di tali misure "è caratterizzato da una marcata incertezza".

La legge di stabilità aggiornata prevede un gettito di 3,5 miliardi dalla lotta all'evasione e di 900 milioni dalla tassazione sui giochi d'azzardo.

"Altre lievi differenze riguardano la composizione leggermente diversa dei risultati in termini di crescita e di inflazione tra quanto previsto dalla Commissione e quanto indicato nel quadro macroeconomico del documento programmatico di bilancio per il 2014-2015" aggiunge il documento.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia