Finmeccanica, per asset ferroviari entra in gioco cordata cinese - fonti

giovedì 27 novembre 2014 11:24
 

di Danilo Masoni

MILANO, 27 novembre (Reuters) - Insigma sta lavorando assieme a un'altra società cinese a una proposta per l'acquisto degli asset ferroviari di Finmeccanica che potrebbe fare concorrenza a quella della Hitachi.

Lo riferiscono due fonti vicine al dossier.

Finmeccanica ha annunciato da tempo la vendita del costruttore di treni Ansaldo Breda, che continua ad accumulare perdite, e del 40% di Ansaldo STS, attiva nei sistemi di segnalazione ferroviaria, per ridurre l'indebitamento e concentrarsi sulle attività core del settore aerospaziale.

Secondo le fonti, Insigma si è accordata con Xinzhu , società con sede a Chegdu che produce attrezzature da costruzione, su una possibile offerta, chiedendo a Finmeccanica qualche settimana in più per esaminare i conti di Ansaldo Breda.

L'AD del gruppo Mauro Moretti aveva fissato al 17 novembre il termine per la presentazione delle offerte vincolanti, ma entro quella data è arrivata solo l'offerta di Hitachi.

La mossa dei cinesi fuori tempo massimo mette Moretti davanti alla decisione se andare avanti con colloqui esclusivi con Hitachi o concedere altro tempo, procrastinando ancora la vendita di Ansaldo Breda.

"La palla è nel campo di Finmeccanica", dice una delle fonti.

Finmeccanica non ha rilasciato commenti, e non è stato possibile raggiungere i portavoce di Xinzhu e United Mechanical and Electrical, l'unità di Insigma coinvolta nella transazione.   Continua...