Borsa Milano chiude positiva con Zew, giù Mps, bene Buzzi, Mondadori

martedì 18 novembre 2014 17:59
 

MILANO, 18 novembre (Reuters) - Piazza Affari sfrutta l'onda lunga delle parole di Mario Draghi, che ieri ha ribadito la possibilità di un quantitative easing da parte della Bce, e chiude con segno positivo come le altre piazze europee.

Il pretesto per salire lo ha dato oggi l'indice Zew che misura il sentiment di analisti e investitori tedeschi risultato a novembre in crescita per la prima volta da circa un anno.

L'indice FTSE MIb ha chiuso in rialzo dello 0,71%, l'Allshare dello 0,79%. Volumi per 2,7 miliardi di euro.

In un contesto bancario generalmente positivo, con l'indice italiano che sale dello 0,94%, MPS ha ceduto oltre 1% dopo che il presidente Alessandro Profumo ha dichiarato che per acquistare la banca "non c'è la fila".

YOOX spicca nel lusso: ieri il fondatore Federico Marchetti ha aumentato la sua quota al 7,8% con l'esercizio delle stock option. "L'operazione va vista come un segnale di fiducia nel business da parte del Ceo", scrive Paola Carboni, analista di Equita, nel dailiy odierno. Volumi leggermente superiori alla media.

Volatile FINMECCANICA che chiude negativa dopo una fiammata al rialzo a seguito dell'annuncio dell'offerta vincolante di Hitachi per AnsaldoBreda.

Balza di oltre il 6% con volumi BUZZI UNICEM su cui oggi Exane ha reiterato l'outperform con un target price che sale del 3% a 16 euro.

Ben comprata SAIPEM mentre il mercato ragiona sui multipli dell'operazione di M&A dei colossi Usa Halliburton e Baker Hughes. "Il business delle due aziende non è molo comparabile con quello di Saipem, tuttavia l'operazione evidenzia una certa attività di M&A nel settore oil services. I multipli del deal sono a premio rispetto a quello di Saipem e anche Saipem è in vendita", osserva Luca Arena di Icbpi nel daily odierno.

Vola a doppia cifra MONDADORI (+16,12%): si registra un certo fermento sulla società dopo che Ubs nei giorni scorsi ha dichiarato di avere il 3,5% e oggi River and Mercantile ha comunicato il raddoppio della quota al 5% dal 2,13%. Volumi quasi quattro volte la media delle ultime 5 sedute e sei volte quella delle ultime 30. Da inizio anno il titolo ha perso a oggi il 46%.   Continua...