Mediolanum, credo che quota 20% di Fininvest non arriverà sul mercato - E.Doris

giovedì 13 novembre 2014 17:19
 

MILANO, 13 novembre (Reuters) - Ennio Doris, AD di Mediolanum ritiene che il 20% circa del gruppo in capo a Fininvest, che Banca d'Italia ha imposto di dismettere in seguito alla perdita dei requisiti di onorabilità di Silvio Berlusconi, non arriverà mai sul mercato.

Innanzitutto perché potrebbe essere rilevata dai figli di Berlusconi stesso. La stessa famiglia Doris sarebbe disponibile a rilevarne un 3-5%, non per rafforzare il controllo che già ha con il 40,4%, ma per dimostrare fiducia nel gruppo.

"Quel 20% non arriverà mai sul mercato.. quando è uscita la notizia ho ricevuto una valanga di telefonate di grandissimi gruppi pronti a mettersi al mio fianco per rilevare il 20% o una parte del 20%: quello che ne ho ricavato è che difficilmente arriverà sul mercato", ha detto Doris nel corso della conference call con gli analisti.

"Poi io ho dichiarato che sarei disponibile ad arrotondare un po' perché credo in questa azienda. Mi preme evitare che si arrivi al delisting della società. Il 40% circa potrà diventare il 43-45%, voglio evitare sia il delisting sia di prendere in giro il mercato comprando fino al 49,9%".

In merito alla possibilità che la partecipazione da dismettere venga rilevata dai figli di Berlusconi, Doris ha sottolineato: "E' Berlusconi che ha perso l'onorabilità, non i figli. Questo sarebbe uno dei motivi per cui non arriverà niente sul mercato".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia