Lavori pubblici, tempi lenti: 15 anni per investire 100 mln-Rapporto

giovedì 13 novembre 2014 14:50
 

ROMA, 13 novembre (Reuters) - In Italia per terminare un'opera pubblica da 100 milioni di euro ci vogliono 11 anni e mezzo, ma tra collaudi e conclusione dei pagamenti si sale a oltre 15 anni.

E' quanto emerge da un rapporto del dipartimento governativo per lo Sviluppo e la cooesione economica pubblicato oggi, che imputa la lentezza nel fare gli investimenti soprattutto al freno della burocrazia.

I tempi di attuazione crescono con l'aumentare dell'investimento previsto, per arrivare a 18 anni necessari per spendere tutto il denaro destinato ad un'opera che costa oltre 100 milioni.

E con gli anni si peggiora: tra il 2009 e il 2013 il tempo medio di esecuzione dei grandi progetti è aumentato del 20%.

Il settore della viabilità e trasporti, che vede tra gli investitori anche concessionari privati, è quello che segna più il passo.

Alla fine del 2013, data dell'ultimo monitoraggio, erano già passati 9 anni e 9 mesi dall'inizio dello scavo della galleria di base della "Variante di valico" dell'A1 Milano-Napoli, un'opera da 497 milioni di euro che, stando agli ultimi annunci, dovrebbe concludersi il prossimo anno.

Ma alla chiusura dei cantieri i giochi non sono terminati, perché in media c'è ancora da spendere poco meno del 30% del costo totale dell'opera.

Il rapporto individua la principale causa di rallentamento nei tempi morti imposti dalla burocrazia: "Il tempo che intercorre tra la formale fine di una fase e l'inizio della successiva rappresentano in media il 42% della durata complessiva".

Questi "tempi di attraversamento" sono delle vere e proprie forche caudine se si guarda alle sole fasi della progettazione e dell'affidamento dei lavori, dove salgono al 61%.   Continua...