Banca Imi, in primi 9 mesi utile netto in rialzo 5,4% a 411 mln

lunedì 10 novembre 2014 18:02
 

MILANO, 10 novembre (Reuters) - Banca Imi, controllata di Intesa Sanpaolo, ha chiuso i primi nove mesi dell'anno con un risultato netto consolidato di 411 milioni di euro (+5,4% rispetto allo stesso periodo del 2013) e un margine di intermediazione di 1,066 miliardi (+5,6%).

Una nota della società precisa che "alla formazione del margine hanno contribuito le aree capital markets per 791 milioni di euro, structured finance per 177 milioni ed investment banking per 98 milioni".

In aumento i costi operativi consolidati, che ammontano a 285,6 milioni di euro - contro i 268,9 milioni al 30 settembre 2013 - a causa degli investimenti strategici da piano e le nuove iniziative di business, oltre che degli accantonamenti pro-quota del sistema incentivante per il piano di azionariato diffuso del gruppo Intesa Sanpaolo.

Il risultato della gestione operativa - pari a 780,5 milioni di euro (+5,3%) - porta il cost/income ratio al 26,8%, in linea con il 26,6% dello stesso periodo dello scorso anno.

I requisiti patrimoniali della banca al 30 settembre 2014, calcolati con le nuove regole di Basilea 3, registrano un Common Equity Ratio e un Total Capital Ratio al 13,47%.

Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia