Imco-Sinergia, Peluso indagato per concorso in bancarotta -fonti

venerdì 7 novembre 2014 18:27
 

MILANO, 7 novembre (Reuters) - Piergiorgio Peluso è indagato dalla procura di Milano per concorso in bancarotta fraudolenta nell'ambito del fallimento di Imco, società della galassia Ligresti, in relazione ad atti compiuti quando era a capo di Unicredit Corporate Banking.

Lo riferiscono fonti giudiziarie, aggiungendo che Peluso è destinatario di un invito a comparire firmato dal pm Luigi Orsi.

Al momento non è stato possibile ottenere un commento dall'ex manager Unicredit, figlio dell'ex ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, che Reuters ha cercato di raggiungere attraverso Telecom, la società per cui attualmente lavora. Unicredit non ha commentato.

Orsi sta indagando da tempo sul fallimento delle holding Imco e Sinergia, a monte delle società quotate del gruppo Ligresti, ritenendo che l'operazione di ristrutturazione del debito relativa a Sinergia, il 5 agosto 2010, non fu nient'altro che un trasferimento dei 108,5 milioni di euro di debito bancario su Imco nell'esclusivo interesse degli istituti di credito, in primo luogo Unicredit, e poi GE Capital.

Secondo gli inquirenti, l'asset qualificante per salvaguardare le banche era l'area del Cerba, "in pancia" a Imco che, affossata dai debiti, fallì come la società sorella ma diede in pegno ipotecario questo cespite a Unicredit.

L'operazione è stata descritta dai consulenti del pm il quale, nel gennaio scorso, ha inserito nell'atto con cui ha chiesto l'interdizione di alcuni consiglieri e sindaci delle holding anche due mail del 4 novembre 2009 e dell'8 aprile 2010 da parte di Salvatore Rubino (presidente del cda di Imco e direttore generale Sinergia, indagato) a, rispettivamente, Giovanni Matteo Ferro Luzzi (all'epoca in GE Capital) e a Peluso.

Negli allegati delle due mail, in particolare in quello della seconda, si legge nell'atto, "vengono esplicitate le motivazioni... e il disegno volto al trasferimento del debito e degli asset".

Oltre alle consulenze e alle mail, il pm allega la testimonianza di Luciano Betti, commercialista e amministratore di varie società del gruppo Imco che il 27 novembre 2012 ha messo a verbale che "il ceto creditorio bancario del gruppo Sinergia... vedeva in Unicredit l'interlocutore principale. Va ricordato quali fossero allora i rapporti fra Salvatore Ligresti e l'AD di Unicredit Alessandro Profumo. ... Questa operazione di ristrutturazione è stata negoziata da Rubino, per parte del gruppo Ligresti, e dai dirigenti Peluso e Perco per parte di Unicredit... Il senso ultimo di questa operazione è stato quello di spostare il debito bancario da Sinergia al piano inferiore, su Imco... che ha messo a disposizione l'immobile 'area Cerba' sul quale la banca ha ricevuto garanzie ipotecarie".

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia