Prysmian tonica dopo conti nove mesi, broker positivi su outlook

venerdì 7 novembre 2014 12:00
 

MILANO, 7 novembre (Reuters) - Prima parte di seduta in deciso rialzo per Prysmian, in controtendenza rispetto a un mercato negativo, all'indomani dei risultati dei primi nove mesi.

Attorno alle 12, il titolo del produttore di cavi avanza del 2,41%, a 14,47 euro, dopo aver segnato un massimo di 14,59 euro. Intensi gli scambi: sono passati di mano circa 1,4 milioni di pezzi, contro una media dell'intera seduta di 1,576 milioni negli ultimi trenta giorni.

Già ieri Piazza Affari aveva premiato Prysmian, sebbene il periodo gennaio-settembre sia andato in archivio con margini e utile in calo, risultati, però, molto influenzati dai problemi sul progetto Western Link.

Diversi broker hanno pubblicato report e rivisto rating e target price.

Citigroup ha tagliato il target price a 15,50 da 16,50 euro, confermando neutral. Nel report si legge che "la buona notizia è che Prysmian ha confermato di essere la migliore della classe. La cattiva notizia è che si tratta ancora di una classe povera". Citi dice di vedere poco spazio per una ripresa nel 2015.

Natixis ha alzato il rating a buy da neutral e il target price a 17,5 da 17 euro.

Kepler Cheuvreux ha ridotto l'obiettivo di prezzo a 16,5 da 18,4 euro, confermando hold.

Bank of America Merrill Lynch (che ha rating buy e target price di 19 euro) considera il titolo troppo a sconto per essere ignorato. Il broker si dice ottimista sull'outlook 2015.

Mediobanca Securities ha alzato il rating ad outperform da neutral, riducendo il target price a 16,6 da 17 euro. Il broker italiano si attende, dopo lo choc rappresentato da Western Link, "un ritorno a un cash flow operativo normalizzato in area 350 milioni l'anno" e vede poco rischi al ribasso sui target Ebitda 2015 e 2016. Mediobanca, inoltre, sottolinea i segnali di miglioramento nel settore tlc.   Continua...