Borsa Usa poco mossa, debole settore oil, pesante Qualcomm

giovedì 6 novembre 2014 17:16
 

NEW YORK, 6 novembre (Reuters) - Wall Street poco mossa nella mattina Usa, frenata dalla debolezza di alcuni dati societari e dal nuovo deprezzamento del greggio.

Un piccolo supporto è giunto dalle parole di Mario Draghi, presidente della Bce, che ha ribadito che la banca centrale è pronta a usare nuove misure di supporto all'economia se questo si renderà necessario. La lettura del mercato è comunque contrastata: "L'economia europea sta peggiorando, ma Draghi ha presentato un fronte unito e possiamo aspettarci ulteriori interventi se necessario", commenta Michael O'Rourke, strategist di JonesTrading a Greenwich, Connecticut. "Ha dato maggiore chiarezza, ma ancora molto deve accadere e non è salutare focalizzarsi sulla speranze di stimoli invece che sui fondamentali".

Intorno alle 17 il Dow Jones cede lo 0,02%, l'S&P 500 avanza dello 0,14% e il Nasdaq cede lo 0,11%.

L'indice energetico è fiacco sulla scia della perdurante debolezza del greggio, ormai in calo del 30% dai recenti massimi. Occidental Petroleum cede lo 0,7%, Halliburton lo 0,6%.

"La generale debolezza del greggio viene da una domanda in contrazione e questo basta a sollevare timori sulla crescita dell'economia", dice Wayne Kaufman, analista di Phoenix Financial Services a New York.

Affonda intanto Genworth Financial (-36% con scambi intensi) all'indomani di risultati trimestrali che hanno evidenziato una massiccia e inattesa perdita.

Netto calo anche per Qualcomm (-10% circa) che ha messo in guardia ieri sera che l'anno prossimo le attività in Cina potranno risentire negativamente di un'indagine antitrust e di problemi nella riscossione delle royalties e ha anche svelato nuove indagine delle autorità negli Stati Uniti e in Europa.

Balza invece Whole Foods Market (+10%) dopo risultati sopra le attese.

In rialzo del 5% Tesla Motors anche in questo caso sulla scia di risultati superiori al previsto.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia