Borsa Usa debole, pesa settore energetico su calo prezzi greggio

martedì 4 novembre 2014 17:17
 

NEW YORK, 4 novembre (Reuters) - Wall Street in calo nella mattinata Usa, appesantita dal ribasso dei titoli energetici sull'onda del nuovo calo - per il quarto giorno di fila - dei prezzi del greggio.

Gli indici, supportati nel complesso da buoni risultati societari, restano comunque vicini a livelli record dopo i massimi intraday segnati ieri da Dow e S&P 500. Una certa volatilità è data infine dalle elezioni di midterm in corso oggi.

Intorno alle 17 il Dow Jones cede lo 0,5%, l'S&P 500 lo 0,8% e il Nasdaq quasi l'1%.

Mentre la borsa Usa nel suo complesso è salita quest'anno, il settore energetico ha sofferto: l'indice di riferimento S&P cede il 2,5% ed è l'unico dei dieci principali comparti ad essere negativo sull'anno.

L'Energy Select Sector SPDR ETF scende del 2,6%, Chevron l'1,2%.

Il greggio Usa è in calo del 2,6% a 76,72 dollari il barile, sui minimi da circa tre anni dopo che l'Arabia Saudita ha tagliato i prezzi di vendita agli Stati Uniti; in quattro giorni ha perso circa il 6,5% ed è sceso di oltre il 30% dai massimi più recenti.

Il calo dei prezzi del petrolio "ha ovviamente un effetto immediato sul settore energetico ma ha implicazioni anche sul mercato in generale, perché è segno di una mancanza di domanda", dice John Kosar, capo della ricerca di Asbury Research a Chicago.

Sale invece Alibaba Group Holding che ha pubblicato i suoi primi risultati trimestrali dall'Ipo, annunciando ricavi in crescita del 53,7%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia