Legge Stabilità, Rete imprese Italia spera in fallimento anticipo Tfr

martedì 4 novembre 2014 13:29
 

ROMA, 4 novembre (Reuters) - Rete imprese Italia auspica che l'anticipo del trattamento di fine rapporto (Tfr) in busta paga riguardi pochi lavoratori dipendenti.

"Facciamo il tifo perché non funzioni, [in caso contrario]per noi sarebbe un disastro", dice il presidente di Confartigianato Cesare Fumagalli in qualità di rappresentante di Rete imprese Italia.

"Se questo stimolo è necessario perché il datore pubblico si è esonerato?", chiede Fumagalli nel corso di un'audizione alla Camera sulla legge di Stabilità.

L'operazione riguarda i soli lavoratori "dipendenti del settore privato" e prevede che siano le banche ad anticipare il Tfr.

Al termine del periodo lavorativo, stabilisce la manovra, l'azienda verserà le somme accantonate direttamente alla banca, che si vedrà riconoscere la stessa remunerazione oggi garantita per il Tfr: l'1,5% più lo 0,75% del tasso di inflazione.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia