3 novembre 2014 / 16:48 / 3 anni fa

PUNTO 1-Moncler risponde a Report su inchiesta piume, titolo a picco

(Riscrive aggiornando andamento titolo, aggiunge commenti)

MILANO, 3 novembre (Reuters) - Moncler risponde alla trasmissione di Report di ieri sera che puntava il dito contro i metodi illegali usati per la ‘spiumatura’ delle oche vive in Ungheria, rivendicando di utilizzare piume provenienti da fornitori qualificati che aderiscono agli standard europei, ma il titolo in borsa chiude in forte calo.

Le azioni del gruppo famoso per i suoi piumini lasciano sul terreno il 4,88% a 10,52 euro, dopo aver toccato un minimo a 10,41, con volumi 2,5 volte la media. I trader citano l‘inchiesta della trasmissione di Rai 3 dal titolo “Siamo tutti oche”, che ha più volte chiamato in causa il famoso brand dei piumini.

In una nota Moncler specifica che tutte le piume utilizzate in azienda provengono da fornitori altamente qualificati che aderiscono ai principi dell‘ente europeo EDFA (European Down and Feather Association), e che sono obbligati contrattualmente a garantire il rispetto dei principi a tutela degli animali.

Tali fornitori, prosegue, sono a oggi situati in Italia, Francia e Nord America. “Non sussiste quindi alcun legame con le immagini forti mandate in onda riferite a allevatori, fornitori o aziende che operano in maniera impropria o illegale, e che sono state associate in maniera del tutto strumentale a Moncler”.

Per quanto riguarda la produzione, Moncler conferma di produrre in Italia e in Europa: “in Italia quantità limitate, e in Europa nei luoghi deputati a sostenere la produzione di ingenti volumi con elevato know-how tecnico che garantisca la migliore qualità riconosciuta a Moncler dai consumatori”.

Il gruppo aggiunge di non aver mai spostato la produzione, come affermato nel servizio, “visto che da sempre produce anche in Est Europa”. In Italia ha mantenuto collaborazioni efficienti con i migliori laboratori, continua la nota.

Per quanto riguarda i ricarichi, il comunicato precisa che il costo del prodotto viene moltiplicato, come d‘uso nel settore lusso, di un coefficiente pari a circa il 2,5 dall‘azienda al negoziante, a copertura dei costi indiretti di gestione e distribuzione. Nei vari paesi la distribuzione applica poi, in base al proprio mercato di riferimento, il ricarico in uso in quel mercato.

“È evidente quindi che le cifre menzionate nel servizio, che prendono in considerazione solo una piccola parte del costo complessivo del prodotto, sono del tutto inattendibili e fuorvianti”, si legge nella nota del gruppo, che aggiunge di aver dato mandato ai propri legali “di tutelarsi in tutte le sedi opportune”.

REPORT SCATENA ONDATA TWEET NEGATIVI

Un broker italiano cita la puntata di Report ritenendo che l‘inchiesta abbia fatto una pubblicità negativa al marchio, sebbene il target dell‘audience del programma probabilmente non coincida con quello dei prodotti Moncler. Il gruppo potrebbe inoltre essere esposto al rischio di sensibilizzazione da parte di gruppi di animalisti, aggiunge.

La puntata di Report ha scatenato tra ieri sera e questa mattina 4.300 tweet sul brand Moncler, quattro volte tanto rispetto alla media del brand, e l‘88% dei messaggi più retwittati ha valenza molto negativa, si legge in un‘analisi realizzata da Reputation Manager, istituto italiano di misurazione della reputazione online dei brand e delle figure di rilievo pubblico, che ha monitorato real time le reazioni degli utenti sui social alla trasmissione.

“Il 52% dei giudizi negativi si concentra sul trattamento degli animali, il 34% sulla scarsa qualità dei materiali utilizzati e del costo di produzione minimo a fronte di un prezzo finale esorbitante, e infine il 14% punta il dito contro lo sfruttamento della manodopera estera a basso costo a danno degli operai italiani”, sottolinea Reputation Manager.

“Siamo di fronte ad un caso paradigmatico”, spiega Andrea Barchiesi, AD di Reputation Manager, nella nota. “Aspetti cruciali per la reputazione di un‘azienda internazionale quali responsabilità sociale, sostenibilità e qualità hanno subito un duro colpo in una sola volta, per cui per il brand si tratta in realtà di fronteggiare contemporaneamente tre crisi”.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below