PUNTO 3-Legge Stabilità, scontro governo-regioni su tagli spesa

giovedì 16 ottobre 2014 18:34
 

(Aggiunge dichiarazioni Renzi ad Asem)

ROMA/MILANO, 16 ottobre (Reuters) - Le Regioni respingono la manovra del governo per la parte che prevede il taglio di quattro miliardi di euro alle loro spese, perché le costringerebbe a ridurre i servizi sanitari e ad aumentare le tasse locali.

Lo ha detto oggi con forza il presidente del Piemonte Sergio Chiamparino, a capo della conferenza delle Regioni, precisando che la posizione accomuna tutti i governatori, quale che sia il colore politico della loro giunta.

Il muro delle Regioni ha rapidamente conquistato oggi i titoli di apertura dei siti di informazione, tanto che nel pomeriggio, al termine della prima giornata del vertice Asem a Milano, il premier Matteo Renzi ha replicato che "alle Regioni si chiede un sacrificio salito a 4 miliardi su 36 della manovra, non credo che alle Regioni convenga continuare con questa polemica dopo tutti gli sprechi degli ultimi anni".

"Stiamo per la prima volta aggredendo la spesa, a partire da Palazzo Chigi, sin tratta di gestire meglio le risorse degli italiani", ha sottolineato il premier. "Parleremo con tutti, ma è inaccettabile la polemica di chi dice alzeremo le tasse a livello regionale; le Regioni inizino a fare uno sforzo per tagliare anche loro".

In una conferenza stampa convocata il giorno dopo il varo a Palazzo Chigi del disegno di legge di Stabilità 2015, Chiamparino accusa in sostanza l'esecutivo di voler fare una grande manovra espansiva da 36 miliardi scaricandone parte del costo sulle Regioni.

"Ai 4 miliardi di tagli contenuti nella Stabilità bisogna aggiungere 1,75 miliardi di tagli in corso, che porterebbe il totale a 5,7 miliardi. Una situazione insostenibile. Si rischierebbe di avere le risorse giusto per pagare il personale regionale... per non fare nulla".

La spesa delle Regioni viene assorbita per gran parte dalle prestazioni sanitarie. Secondo i governatori non esistono nelle loro amministrazioni sprechi per quattro miliardi e sarebbe inevitabile incidere sui servizi.

"Non è assolutamente questa la strada da percorrere, dopo anni di sacrifici, Chiediamo pertanto un incontro al governo per trovare una nuova soluzione", ha detto il governatore del Piemonte.   Continua...