Abbvie potrebbe riconsiderare acquisizione Shire

mercoledì 15 ottobre 2014 13:41
 

LONDRA, 15 ottobre (Reuters) - Il gruppo farmaceutico americano AbbVie potrebbe rinunciare ad acquisire Shire alla luce delle modifiche sulla legislazione fiscale approvate il mese scorso dall'amministrazione Obama, facendo colare a picco il titolo della società britannica.

Intorno alle 13,30 il titolo Shire cede oltre il 26%, anche se il bilancio da inizio anno resta comunque positivo. Nel pre-marketing, a Wall Street, Abbvie cede l'1,8%.

In una nota diffusa ieri sera, Abbvie ha infatti spiegato che intende riconsiderare la raccomandazione ai propri azionisti di votare a favore dell'acquisizione di Shire, ora che il Tesoro Usa ha adottato una serie di misure per ostacolare le società americane nello spostamento della sede fiscale fuori dagli Stati Uniti.

Dopo essere stata respinta diverse volte, a luglio Abbvie ha annunciato l'acquisto di Shire per circa 32 miliardi di sterline (40,5 miliardi di euro).

Il gruppo americano aveva previsto, a conclusione dell'operazione, la costruzione di una nuova struttura con sede sull'isola di Jersey, dove l'imposizione fiscale è minore.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia