Tenaris sotto pressione su discesa prezzi greggio

mercoledì 15 ottobre 2014 11:17
 

MILANO, 15 ottobre (Reuters) - Seduta di sofferenza per Tenaris, che paga dazio alle previsioni sui prezzi del petrolio.

Attorno alle 11,10, il titolo della società guidata da Paolo Rocca cede il 4,12%, a 15,35 euro, dopo aver segnato un minimo di 15,33 euro. Intensi gli scambi: sono passati di mano circa 1,5 milioni di pezzi, contro una media dell'intera seduta di 2,184 milioni negli ultimi trenta giorni.

Un dealer non vede motivazioni specifiche per la debolezza del gruppo che controlla Dalmine, salvo "la pressione generalizzata a cui da tempo è sottoposto il settore petrolifero".

Anche un analista che segue Tenaris attribuisce la flessione "al prezzo del petrolio".

In effetti, se si guarda agli altri titoli del settore quotati a Piazza Affari, la prevalenza delle vendite è netta: Eni arretra dell'1,63% e Prysmian (legata all'energia) dell'1,94%. Meglio Saipem : -0,46%.

In una breve nota dedicata al settore petrolifero, Banca Imi ricorda che l'Arabia Saudita non vuole ridurre la quota di produzione di greggio, una decisione che sta impattando negativamente sui prezzi. "Un prezzo inferiore a 90 dollari il barile per un periodo di tempo relativamente lungo potrebbe tradursi in ulteriori ritardi nei progetti offshore da parte delle compagnie petrolifere", si legge. Imi vede rischi al ribasso per Saipem (rating add e target price di 19,60 euro). E aggiunge: Tenaris (hold, 15,80 euro) "può essere impattata negativamente dalla debolezza del prezzo del petrolio dato che il gruppo registra il 40% circa delle vendite in Nord America".

L'Iran, secondo quanto riferito da una fonte vicina alle politiche petrolifere di Teheran, ritiene che il calo dei prezzi del greggio non rappresenti un problema.

In vista del meeting dell'Opec di novembre, quindi, prende corpo l'attesa che le quote di produzione dell'organizzazione non cambieranno, dato che Arabia Saudita e paesi del Golfo sono già schierati per mantenerle invariate.

La conseguenza è che Brent e greggio leggero Usa stanno rinnovando i minimi dal 2010.   Continua...