Ipo europee in difficoltà, diminuisce l'appetito degli investitori

giovedì 9 ottobre 2014 18:06
 

9 ottobre (Reuters) - Il venir meno dell'appetito degli investitori per le Ipo europee ha costretto la francese Spie a ritirare la propria offerta, sta mettendo a dura prova l'italiana Intercos e ha suggerito a due società tedesche il rinvio delle offerte.

La prospettiva di un innalzamento dei tassi di interesse negli Stati Uniti e il peggioramento delle prospettive di crescita della Germania sono tra le ragioni alla base delle vendite sui mercati azionari europei, che hanno colpito duramente i titoli delle matricole e frenato la domanda per le nuove quotazioni.

Spie, società francese d'ingegneria elettrica, ha ritirato l'offerta di azioni, per un massimo di 1,2 milioni di euro - che sarebbe stata la maggior quotazione sul mercato francese da prima della crisi finanziaria - nel giorno di chiusura dei libri.

A poche ore dal termine per la raccolta degli ordini, l'Ipo di Intercos non era ancora stata completamente coperta, anche se la domanda superava i tre quarti dell'ammontare. Il prezzo atteso era al minimo della forchetta indicativa.

Due giorni fa Italiaonline, società che fa capo al magnate egiziano Naguib Sawiris e che riunisce i portali Libero e Virgilio, ha ritirato l'offerta.

In Germania inoltre la società immobiliare TLG Immobilien e quella specializzata nella realizzazione di piattaforme online Scout24 hanno deciso di rinviare i progetti di quotazione.

Anche in Spagna l'Ipo dell'operatore aeroportuale Aena sta registrando delle difficoltà, dal momento che sono risultati meno del previsto gli investitori potenziali disposti a entrare come nucleo stabile di soci nell'azionariato, prima del processo di quotazione vero e proprio.

Il deludente esordio di alcune società europee, approdate recentemente sui listini azionari, come nel caso della tedesca Rocket Internet, hanno reso ancora più cauti gli investitori, spiegano alcune fonti. Rocket e il negozio di abbigliamento online Zalando hanno già perso oltre un quinto del proprio valore dopo la quotazione.

"Gli investitori devono focalizzarsi sul proprio portafoglio core nei momenti in cui l'azionario è in discesa, il che significa che il tempo per guardare le nuove emissioni è minore", spiega un banker.   Continua...