PUNTO 1-Banche Italia, sofferenze +20% ad agosto, nuovo calo prestiti

giovedì 9 ottobre 2014 11:00
 

(Aggiunge dettagli da comunicato)

MILANO, 9 ottobre (Reuters) - Nuova lieve diminuzione ad agosto nel trend di crescita delle sofferenze delle banche italiane, mentre prosegue - seppure a un tasso lievemente inferiore - la caduta dei finanziamenti al settore privato.

Secondo i dati a cura di Banca d'Italia nel comunicato sulle "principali voci dei bilanci bancari", il tasso di crescita sui dodici mesi è pari al 20% dal 20,5% di luglio (il dato non è corretto per le cartolarizzazioni ma tiene conto delle discontinuità statistiche, specifica Bankitalia).

Ennesima contrazione, frazionalmente meno marcata rispetto a luglio, nell'attività creditizia: la flessione complessiva su base annua è del 2,5% dal 2,6% del mese precedente. Nel dettaglio, i prestiti alle famiglie sono calati al ritmo di 0,8% dopo la variazione negativa di 0,7% rivista, mentre quelli alle imprese scendono di 3,8% dopo il -3,9% di luglio.

Sul fronte della raccolta bancaria, resta in crescita il trend dei depositi del settore privato: +3,1% ad agosto, sempre sui dodici mesi, dopo il +2,9% di luglio. La raccolta obbligazionaria, che include i prestiti detenuti dal sistema bancario - è intanto diminuita di 14,1% dopo il -13,4% di luglio.

Come ogni mese, Via Nazionale fa anche il punto sui tassi applicati: quelli sui finanziamenti erogati in agosto alle famiglie per l'acquisto di abitazioni sono pari a 3,37% da 3,49% del mese precedente e quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo passano da 9,29% a 9,34%.

I tassi d'interesse sui nuovi prestiti alle aziende di importo fino a un milione di euro sono pari a 3,97% da 3,96%, mentre quelli sui nuovi finanziamenti di importo superiore al milione calano leggermente a 2,20% da 2,47% del mese precedente. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere risultano pari a 0,81% da 0,83%, conclude il comunicato di Bankitalia.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia