Club Méd, sindacati contro Opa Gallion, temono controllo cinese

lunedì 6 ottobre 2014 15:26
 

PARIGI, 6 ottobre (Reuters) - I sindacati che rappresentano i lavoratori di Club Méditerranée si sono pronunciati contro l'Opa varata dal consorzio Gaillon II.

"Il voto ha avuto luogo stamattina", ha riferito una fonte del sindacato Unsa, seconda sigla del gruppo dopo Force Ouvrière. "Otto su undici rappresentanti si sono pronunciati contro, mentre tre si sono astenuti".

I sindacati sono preoccupati dalla prospettiva che Club Méd passi sotto controllo cinese, con un conseguente spostamento del focus del gruppo verso l'Asia: il consorzio Gaillon II è guidata dalla conglomerata Fosun.

Il Cda del gruppo, che si riunisce oggi, dovrebbe dare semaforo verde all'offerta di Gaillon, che ha messo sul piatto 22 euro per azione.

L'offerta di Gaillon ha superato quella di Andrea Bonomi (21 euro). L'ultima mossa ufficiale del finanziere italiano risale al 29 settembre scorso, quando, secondo una lettera presa in visione da Reuters, Global Resorts, veicolo di Bonomi, aveva chiesto agli amministratori indipendenti informazioni finanziarie basate sui risultati trimestrali al 4 settembre.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia